News dal mare

Fiumicino, la guardia costiera sequestra 60kg di telline a pescatori di frodo

Fiumicino, la guardia costiera sequestra 60kg di telline a pescatori di frodo

Fiumicino, la guardia costiera sequestra 60kg di telline a pescatori di frodo sorpresi sulle spiagge di Maccarese, Fregene e Passoscuro: oltre al quantitativo di molluschi, sono stati sequestrati anche gli attrezzi da pesca utilizzati per catturarli.

L’operazione è stata condotta magistralmente dal personale della Sezione Polizia Marittima della Capitaneria di Porto di Roma e dell’Ufficio Locale Marittimo di Fregene che durante la fase post emergenziale Covid-19 continua, incessante, l’attività di controllo da parte del personale della Capitaneria al Comando del Capitano di Vascello Antonio D’Amore, per reprimere la pesca illegale.

A carico dei responsabili sono stati elevati verbali amministrativi per diverse migliaia di euro ed il prodotto ittico, ancora vivo e vitale, è stato immediatamente rigettato in mare.

Gli esemplari di questa specie, infatti, possono essere introdotti sul mercato solo con l’etichettatura sanitaria prevista dalle norme in vigore, dopo essere transitati dai centri di depurazione e/o spedizione.

Il personale del Compartimento Marittimo di Roma, sotto il più ampio coordinamento della Direzione Marittima del Lazio, opera costantemente a terra ed a mare, sia per la sicurezza della navigazione che la tutela dell’ambiente marino e delle specie protette.

Fiumicino telline: ecco come si pescano

In Italia la raccolta di questo mollusco viene praticata comunemente. La raccolta professionale viene fatta mediante un attrezzo chiamato “rastrello da natante“, simile a quello usato per la pesca delle vongole, che viene trainato da imbarcazioni in possesso di licenza di pesca.

Tale attività può essere svolta unicamente in tratti di mare con acque classificate dai competenti organi di vigilanza sanitari; se la classe delle acque è definita “A” il prodotto può andare direttamente al consumo umano altrimenti deve essere avviato ad un trattamento di depurazione presso centri opportunamente autorizzati.

La raccolta manuale avviene attraverso uno strumento composto principalmente da un setaccio che raccoglie le telline e le separa dalla sabbia.

Tale strumento viene azionato mediante una fascia intorno alla vita che serve per spostarlo orizzontalmente e da un lungo manico che fuoriesce dall’acqua.

LEGGI ANCHE: A Fiumicino tartaruga trovata morta sulla spiaggia di Palidoro

Il manico permette al setaccio di essere inclinato con un angolo utile a rimanere 3-4 cm immerso nel fondale sabbioso, contrastando in tal modo le forze che lo tirerebbero a galla esercitate dal traino.

Leggi anche

Positano, per Dries Mertens una dedica speciale del tenore pop Giuseppe Gambi

Fabio Iacolare

Sulle Spiagge di Phuket ritornano le Tartarughe Liuto

Fabio Iacolare

Federpesca, maggiore flessibilità è la chiave per salvare il settore

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.