Sapori dal Mare

Archeoenologia sull’Isola d’Elba, pronto Nesos: il vino marino

Archeoenologia sull'Isola d'Elba, pronto Nesos: il vino marino

Archeoenologia sull’Isola d’Elba, pronto Nesos: il vino marino che nasce da un esperimento scientifico ‘archeoenologico‘ unico al mondo, condotto all‘isola d’Elba.

L’esperimento è stato realizzato dall’azienda elbana Arrighi, che da 10 anni si occupa di vinificazione in anfora, in collaborazione con il professor Attilio Scienza, ordinario di viticoltura dell’Università di Milano e Angela Zinnai e Francesca Venturi del corso di Viticoltura ed enologia dell’Ateneo di Pisa. Nesos è stato presentato oggi a Firenze nell’ambito di PrimAnteprima.

Il progetto vino marino ripercorre, dopo 2500 anni, il mito del vino di Chio

Il progetto ripercorre, dopo 2500 anni, il mito del vino di Chio, piccola isola dell’Egeo orientale, considerato ai tempi un prodotto di lusso che veniva ‘esportato’ e venduto anche nei mercati di Marsiglia e Roma.

Quello di Chio era dolce e alcolico, unica garanzia per sopportare i trasporti via mare, ma aveva qualcosa che gli altri vini del tempo non avevano, un segreto che i produttori custodivano gelosamente e che rendeva questo prodotto particolarmente aromatico.

La presenza del sale derivante dalla pratica dell’immersione dell’uva chiusa in ceste, nel mare, con lo scopo di togliere la pruina dalla buccia ed accelerare così l’appassimento al sole, preservando in questo modo l’aroma del vitigno.

L’uva utilizzata è l’Ansonica: un’uva bianca tipica dell’Elba, probabile incrocio di due antiche uve dell’Egeo, il Rhoditis ed il Sideritis. Le uve sono state immerse in mare per cinque giorni a circa 10 metri di profondità e il sale marino per osmosi è penetrato anche all’interno, senza danneggiare l’acino.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Coldiretti: “ok dl su indigenti ma salvare fiori, pesca e vino”

Il successivo passaggio avviene in anfore di terracotta. La presenza di sale nell’uva, con effetto antiossidante e disinfettante, ha permesso di provare a non utilizzare i solfiti, arrivando a produrre, dopo un anno in affinamento in bottiglia, un vino estremamente naturale, molto simile a quello prodotto 2500 anni fa. Di questo vino, vendemmia 2018, sono state prodotte solo 40 bottiglie.

Leggi anche

International Gin Tonic day: i consigli de L’Archivio Storico di Napoli

Fabio Iacolare

L’Italia delle regioni a Slow Fish

Fabio Iacolare

Legami di Pizza, tappa a Napoli: menu a quattro mani per Maglione e Vesi

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.