Sapori dal Mare

Il Fil di Ferro al baccalà dello chef Antonio Ruggiero

Fil di ferro al baccalà per riscoprire i sapori di una volta. “Ritornare al passato e sentirci di nuovo bambini”, il cibo va assaporato coinvolgendo tutti i sensi: la vista, l’olfatto, il gusto, e nel caso dello chef Antonio Ruggiero anche del tatto, che dalla sua osteria di Vairano Patenora, ha creato delle ricette a base di Baccalà da mangiare rigorosamente con le mani e senza posate.

Unica eccezione per usare le posate è per la specialità della casa: il Fil di Ferro creato dalle mani del Prof. Antonio Ruggiero, chef dell’Osteria del Baccalà. Il Fil di Ferro al baccalà è un piatto dalla semplicità disarmante: aglio, olio, peperoncino e baccalà.

Un piatto dalla forte personalità che, se raccontato dal professore mentre lo si gusta nella sua osteria, diventa un’esperienza veramente indimenticabile. Il nome “Fil di Ferro” dipende dalla cottura della pasta molto al dente

Fil di ferro al baccalà, quale pasta utilizzare?

Non chiedete al professore di che tipologia di pasta si tratti perché ve le elencherà tutte, senza portarvi a una conclusione come ci spiega nel video in allegato.

LEGGI ANCHE: In quarantena il pesce mette d’accordo tutti

Ingrediente principale è Il baccalà, elemento essenziale di molte cucine popolari, nelle quali il suo utilizzo si alterna a quello dello stoccafisso che è sempre merluzzo, ma conservato mediante essiccazione.

 

Leggi anche

San Vito lo Capo, fervono i preparativi per il Cous Cous Festival 2020

Fabio Iacolare

Provolone del Monaco Dop, in degustazione all’istituto zooprofilattico di Portici

Fabio Iacolare

A Mola di Bari il “Summerwine 2019… Altro che minori!”

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.