Diporto

L’innovazione Maserati a bordo anche del trimarano Multi 70

Maserati entra nella nuova era dell’innovazione e avvia un processo di trasferimento di know-how tecnologico dal mondo delle automobili al mondo delle imbarcazioni a vela ad alte prestazioni: protagonisti gli ingegneri del Maserati Innovation Lab di Modena e Giovanni Soldini, skipper di Maserati Multi 70.

Persone animate da passione, adrenalina e ricerca della massima performance, valori che legano Maserati e Giovanni Soldini sin dal 2012, hanno lavorato in silenzio ad una collaborazione strategica che va oltre la sponsorizzazione.

Oggi vengono svelati i risultati di uno studio unico che applica le conoscenze di aerodinamica e gli strumenti di analisi virtuali, solitamente utilizzati nello sviluppo delle vetture, sul trimarano Maserati Multi 70 per migliorarne le performance, le caratteristiche aerodinamiche e aumentarne le prestazioni in fase di volo, tramite speciali profili idrodinamici.

Gli ingegneri Maserati hanno analizzato i dati delle ultime regate di Maserati Multi 70 per determinare i parametri chiave dell’andatura. Hanno effettuato un attento studio delle configurazioni attuali dell’imbarcazione per individuare possibili aree di miglioramento mediante simulazioni CFD (Computational Fluid Dynamics) avanzate, in grado di predire il comportamento del complesso flusso che si instaura intorno al trimarano.

Sempre con il supporto di strumenti virtuali sono state testate differenti configurazioni di carenatura scafi e configurazione dei teli sotto-rete per fare in modo che da un lato diminuisca la resistenza dell’imbarcazione all’aria e dall’altro migliori l’efficienza delle vele attraverso il controllo dei fenomeni di estremità.

I risultati di questi studi vedono un abbassamento del coefficiente di penetrazione aerodinamico (Cx) dell’intera imbarcazione di circa il 5%. La migliore gestione dei flussi intorno all’imbarcazione permette, inoltre, di far lavorare le vele in modo più efficiente con un conseguente aumento della forza propulsiva del 4%, a fronte di un incremento della forza sbandante al di sotto dell’1%. Questo si traduce in una velocità di crociera dell’imbarcazione che, in condizioni ideali, potrebbe adesso superare i 43 nodi.

Con l’applicazione della propria tecnologia anche all’ambito velico, Maserati ribadisce la sua vocazione all’innovazione applicandola a Maserati Multi 70, da sempre una “barca-laboratorio” in continua evoluzione.

Il Maserati Innovation Lab

Il Maserati Innovation Lab è il cuore pulsante della ricerca tecnologica, dello sviluppo e della progettazione dellla Casa del Tridente.

Il centro di ingegneria del Brand in via Emilia Ovest a Modena ha recentemente aperto le sue porte e condiviso per la prima volta con l’esterno il suo ruolo chiave nello sviluppo dei nuovi modelli Maserati.

In questa struttura di eccellenza si progettano tutte le Maserati di oggi e di domani e i processi digitali supportano lo sviluppo del prodotto applicando l’esclusiva ricetta Maserati che, attraverso un approccio integrato, pone l’uomo al centro sin dalle prime fasi: l’attenzione per il cliente è inserita nel mondo della simulazione virtuale con un mix esclusivo tra hardware e software.

Gli ingegneri del Maserati Innovation Lab si avvalgono, infatti, del supporto di tecnologie avanzate come il nuovo Simulatore Dinamico di ultima Generazione DiM (Driver-in-Motion), il Simulatore Statico e i laboratori dedicati allo sviluppo della “User eXperience”.

Maserati Multi 70: il Programma Sportivo della Stagione 2020

La stagione agonistica 2020 si svilupperà secondo il seguente programma sportivo.

Particolarmente atteso il Record della Manica.

Leggi anche

L’Italia sempre più leader mondiale nella costruzione di grandi yacht

Fabio Iacolare

Baglietto presenta in anteprima mondiale il Severin’s al Monaco Yacht Show 2019

Fabio Iacolare

Autunno 2019: Moroso in tour tra Europa, Usa e Cina

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.