Diporto Località di mare

A Capri campi boe davanti ai Faraglioni contro il sovraffollamento di barche

sovraffollamento barche Capri

Boe contro il diportismo selvaggio e il sovraffollamento di barche e yacht nell’area compresa dal Faraglione di terra a Punta di Mulo, a Marina Piccola di Capri. Attraverso la delibera 107, la giunta comunale del sindaco Marino Lembo, ha approvato il “Progetto di utilizzo e fruizione” che intende “decongestionare la baia di Marina Piccola dalle numerosissime imbarcazioni che vi sostano all’interno”.

Stop a al sovraffollamento di barche davanti ai Faraglioni di Capri

Una scelta quasi obbligata, dopo l’assalto registrato negli ultimi fine settimana, per garantire “adeguate condizioni di sicurezza ed incolumità per la balneazione”.




Il progetto, che punta a istituire l’Area Marina Protetta di Capri, avviato concretamente già dal 2020, è finalizzato a salvaguardare le acque e le coste dell’isola azzurra. Secondo un report dell’esperta ambientale, Floriana Di Stefano, atto a fronteggiare la situazione di sovraffollamento intorno all’isola di Capri di imbarcazioni e natanti, la situazione attualmente rappresentare un concreto pericolo ambientale. Gli studi di fattibilità per l’istituzione dell’Area Marina Protetta (AMP) a Capri sono iniziati negli anni 1998-2000. Il 14 gennaio 2020 ha preso ufficialmente avvio presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare il procedimento istitutivo dell’Area marina protetta dell’Isola di Capri

LEGGI ANCHE: Noleggio occasionale e ordinario: i chiarimenti di Assormeggi

Ciononostante, la situazione di sovraffollamento delle acque circostanti l’isola di Capri e la suggestiva area che comprende i Faraglioni è “progressivamente peggiorata fino a rappresentare – scrive il Comune – un concreto pregiudizio ambientale”. “Una della principali criticità – si sottolinea nella delibera – si concentra nella baia di Marina Piccola a causa dell’elevato flusso di unità navali che affollano la zona e che rappresentano la causa di problematiche quali la sicurezza e l’incolumità per la balneazione come anche l’utilizzo e la fruizione della zona”.

 

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Studiosi e tassonomi alla Stazione Zoologica Anton Dohrn: “Arturo Palombi: il professore e lo scienziato”

Fabio Iacolare

Vietri sul Mare, risse e assembramenti: il sindaco chiude le spiagge libere

Fabio Iacolare

Il lusso si traduce nella cura dei dettagli e nella ricerca delle materie prime

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.