News dal mare

Taranto, torna in mare la tartaruga con addosso un tracking satellitare

E’ stata recuperata da un mitilicoltore lo scorso 7 gennaio nel Mar Piccolo di Taranto perchè in seria difficoltà : galleggiava in modo anomalo e non riusciva ad immergersi. Grazie ai biologi del Centro recupero Tartarughe Marine di Policoro, prontamente intervenuti, la Caretta caretta, ribattezzata Erasmus, è diventata la prima tartaruga marina rilasciata nel Golfo di Taranto a partecipare al progetto di tracking satellitare portato avanti dal WWF Italia. Grazie alla collaborazione con il dipartimento di Biologia dell’Università di Bari Aldo Moro, il CNR – STIIMA di Bari, la Jonian Dolphin Conservation e il dipartimento di Biologia dell’Università di Pisa, la tartaruga è stata infatti dotata di trasmettitore satellitare applicato sul carapace, grazie al quale i biologi del Centro di recupero tartarughe marine WWF di Policoro potranno seguire i suoi spostamenti e implementare lo studio della biologia di questi straordinari rettili marini, campioni in fatto di lunghe migrazioni.

Erasmus è una femmina adulta di circa 30 kg. con carapace lungo 65 cm. Nonostante una menomazione all’arto posteriore destro, riesce a nuotare con sufficiente disinvoltura. Il suo nome è stato scelto dai bambini dell’Istituto Comprensivo di Gemona del Friuli, che hanno partecipato ad un progetto Erasmus + Kid Conquering Castles realizzato da alunni delle scuole primarie di Austria, Catalogna (Spagna), Germania, Grecia, Italia e Galles. Grazie alla vendita di alcuni oggetti nei mercatini i ragazzi hanno raccolto circa 1.000 Euro, donati al centro e destinati alle cure della tartaruga, adottata dalla scolaresca friulana.

Dopo le dovute indagini diagnostiche e le costanti cure del medico veterinario del Centro, Erika Ottone e dei biologi Gianluca Cirelli e Annachiara Pisto, Erasmus è stata reintrodotta in natura questa mattina di fronte ad amministratori, operatori coinvolti e semplici appassionati nella spiaggia antistante il CRTM dell’Oasi WWF di Policoro Herackleia. Buon Viaggio!

Leggi anche

Mercurio nelle acque minerali italiane, nessun pericolo per la salute

Fabio Iacolare

Riccione, il comune contro Arpae: “il nostro mare gode di ottima salute”

Fabio Iacolare

Una “coppia” di strumenti in fondo al mare

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.