Diporto

Barcellona, sostenibilità e consapevolezza dei problemi ambientali al 58° Salone Nautico

Ad Ottobre la 60ma edizione del Salone Nautico di Genova

La 58esima edizione del Salone Nautico Internazionale di Barcellona sarà imperniata sui temi della sostenibilità e della consapevolezza dei problemi ambientali per la tutela dell’ambiente marino. Imbarcazioni elettriche, ibride o alimentate a energia solare, conferenze sulla gestione dei rifiuti nei mari e mostre per sensibilizzare i visitatori: queste alcune delle attività che faranno da cornice all’evento, in netta crescita, che occuperà tutte le banchine dei moli España e Fusta del Port Vell e al quale presenzieranno le aziende leader del settore nautico.

Organizzata da Fira de Barcelona, in collaborazione con l’Associazione nazionale delle imprese nautiche di Spagna (ANEN), l’edizione di quest’anno si terrà dal 9 al 13 ottobre e rifletterà la ripresa del settore che ha registrato una crescita del 7% rispetto al 2018. All’evento, che quest’anno vedrà il debutto di nuove aziende, parteciperanno complessivamente 290 espositori. Più di 700 le imbarcazioni da ammirare, 180 delle quali in acqua. Navigazione sostenibile In questa edizione, gli organizzatori del Salone hanno voluto rimarcare come la sostenibilità della navigazione sia una delle sfide presenti e future che il settore deve affrontare.

Non solo imbarcazioni ibride e alimentate a energia solare, innovazioni per la raccolta delle microplastiche dai fondali marini e il lancio di prodotti realizzati con materiali riciclati: il Salone Nautico adotterà delle misure volte a ridurre l’impatto ambientale. A tal proposito Luis Conde, presidente del Salone, dichiara: “Nella comunità della nautica da diporto siamo quelli maggiormente interessati a proteggere l’ambiente in cui ci dedichiamo a una delle nostre grandi passioni. Chi ama il mare non può assistere passivamente al degrado dei nostri mari e dei nostri oceani.

E il Salone Nautico di Barcellona voleva essere il primo a prendere il timone della sostenibilità”. Oltre a essere la principale vetrina commerciale dell’industria nautica spagnola grazie alla partecipazione delle più importanti aziende nazionali e internazionali, il Salone Nautico di Barcellona si conferma la più grande piattaforma professionale del settore. Con circa 200 incontri tra professionisti nell’ambito della terza edizione dei Professional Meetings o con la seconda edizione del Nautic Tech International Investment Forum, il concorso riservato alle start-up legate al settore nautico, l’evento propone uno dei programmi più completi per agevolare i contatti tra aziende e contribuire alla rivitalizzazione del settore.

L’evento si propone altresì di promuovere la vela e raggiungere nuovi tipi di pubblico. Il direttore dell’evento, Jordi Freixas, sostiene che “il Salone non è solo una piattaforma commerciale per vendere imbarcazioni; racchiude, infatti, un’ampia gamma di servizi e nuovi modi per godersi il mare e la navigazione, come pure numerose alternative per far conoscere il mondo della vela alle famiglie e a tutti i tipi di pubblico”

Leggi anche

Williams Jet Tenders, debutto mondiale nel gennaio 2021 il Dieseljet 415

Fabio Iacolare

Ice Rib Challenge, un successo per Sergio Davì e per Suzuki

Fabio Iacolare

Sanlorenzo lancia “Sanlorenzo Arts” ad Art Basel in Basel 2021

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.