News dal mare

Scoperta ad Abu Dhabi sull’isola di Marawah la perla più antica del mondo

La perla più antica del mondo è stata scoperta dal Dipartimento Cultura e Turismo – Abu Dhabi (DCT Abu Dhabi) grazie al lavoro degli archeologi durante gli scavi nel sito risalente al periodo neolitico sull’isola di Marawah, al largo della costa di Abu Dhabi. Soprannominata la “Perla di Abu Dhabi”, ha origini determinate tra il 5800 e il 5600 a.C. grazie alla datazione al radiocarbonio utilizzata dagli esperti.

La scoperta è la prova che perle ed ostriche vengono utilizzate negli Emirati Arabi Uniti già da diversi millenni e rappresenta la prima testimonianza relativa alle perle rinvenute in qualsiasi altra parte del mondo. Le perle sono state considerate elementi preziosi fin dall’antichità e vengono utilizzate tuttora per l’ornamento, rientrando indubbiamente nella categoria del lusso.

E come simbolo di inestimabile ricchezza e valore, la Perla di Abu Dhabi verrà esposta per la prima volta al pubblico nella prossima mostra al Louvre Abu Dhabi, 10.000 Years of Luxury, in programma dal 30 ottobre 2019 al 18 febbraio 2020.

SE Mohamed Khalifa Al Mubarak, Chairman DCT Abu Dhabi, ha dichiarato: “La Perla di Abu Dhabi è un reperto straordinario, testimonianza delle antiche origini del nostro legame con il mare. La scoperta della perla più antica del mondo ad Abu Dhabi dimostra come gran parte della nostra recente storia economica e culturale possa vantare radici profonde risalenti agli albori della preistoria. L’isola di Marawah è uno dei siti archeologici più preziosi e gli scavi proseguono nella speranza di portare alla luce ulteriori testimonianze sugli usi e i costumi dei nostri antenati”. 

Leggi anche

Settembre e ottobre, i mesi migliori per godersi un mare limpido, tranquillo e low cost

Fabio Iacolare

Pasqua, uova ai piccoli ammalati dagli imprenditori della nautica

Fabio Iacolare

Ambiente, Le Eolie “Isole Rinnovabili”: in arrivo compattatrici di bottiglie

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.