Sapori dal Mare

Risotto al nero di Seppia al salto

La seppia, mollusco marino tipico del mare di Anzio, è protagonista della campagna di marketing territoriale del mese di dicembre “Anzio, la migliore cucina marinara al mondo”.

Il progetto, promosso dal Sindaco, Candido De Angelis, che segue il grande successo della “Minestra dei pescatori portodanzesi” e delle ricette con la “triglia di Anzio”, è coordinato dall’Ufficio Comunicazione Istituzionale e Promozione Turistica del Comune, in collaborazione con l’Associazione dei Commercianti ed Artigiani e con i Ristoratori del territorio.  

Dall’11 al 18 dicembre, nei ventiquattro ristoranti di Anzio che hanno aderito al progetto di destagionalizzazione turistica, saranno attive vantaggiose promozioni per gustare la seppia, con il riso, con la pasta, come antipasto, come secondo, cucinata secondo le antiche ricette di Porto d’Anzio.

Nell’ambito delle promozioni km 0 i ristoratori anziati, in collaborazione con l’ufficio Promozione Turistica dell’Ente, hanno lanciato sui social e sulle cartoline pubblicitarie la ricetta del “Risotto al nero di sappia al salto”. Ed eccola, per tutti gli amanti del pescato di Anzio e della buona cucina, la trionfale ed esclusiva ricetta di dicembre:

Risotto al nero di Seppia al salto

Ingredienti per 4 persone:

riso carnaroli gr 320,
seppie gr 250,
nero di seppia 2 sacche,
pomodorini gr 100,
scalogno gr 60,
olio  evo gr 100,
burro gr 50,
vino bianco 1 bicchiere,
finocchietto 1 rametto,
sale e pepe quanto basta. 

Esecuzione: tagliare a julienne la seppia e metterla a marinare con succo di limone e finocchietto selvatico. Rosolare il riso in una padella, sfumare con del vino bianco. A vino evaporato aggiungere il soffritto di burro, scalogno e brodo di pesce poco a volta. A metà cottura aggiungere il nero di seppia stemperato con del brodo caldo e finire la cottura, lasciando il riso al dente. In una padella antiaderente sciogliere una noce di burro e mettere il riso schiacciandolo per ottenere la forma desiderata; quando è croccante girare e finire la cottura, impiattare con le tagliatelle di seppia marinate e aggiungere i petali di pomodorino, precedentemente scottati in padella.

Il progetto “Anzio, la migliore cucina marinara al mondo”, che ha visto nella minestra dei pescatori la definizione di un vero e proprio brand enogastronomico cittadino, proseguirà, dall’8 al 15 gennaio, con la campagna di marketing sul polpo, dal 19 al 26 febbraio con il merluzzo, dall’11 al 18 marzo con la pannocchia, dal 15 al 22 aprile con le alici, dal 13 al 20 maggio con i fragolini, dal 10 al 17 giugno con i gamberi, dal 13 al 17 luglio con il pesce spada, dal 17 al 21 agosto con le telline, dal 10 al 17 settembre con il cefalo e la lampuga, dal 16 al 23 ottobre 2020 con l’arzilla.

L’ambiziosa campagna di comunicazione “Anzio, la migliore cucina marinara al mondo”, che mette in evidenza il prezioso lavoro dei pescatori, la cucina marinara anziate, oltre a promuovere il pescato di Anzio, si pone anche l’obiettivo di sensibilizzare le persone rispetto al consumo consapevole della tellina del litorale. Proprio la tellina di Anzio, presidio slow-food, sarà al centro della campagna di marketing e comunicazione prevista ad agosto 2020.

I Ristoratori e l’Associazione dei Commercianti e degli Artigiani, sempre presenti e propositivi nelle riunioni operative di Villa Corsini Sarsina, sono al centro del nuovo progetto, che è stato già testato con le promozioni sulla minestra dei pescatori e sulla triglia di Anzio.

Al progetto di marketing territoriale, relativo alle promozioni sulla triglia di Anzio, sulla cucina marinara anziate e sul pescato a km zero, hanno aderito i seguenti ristoranti: Alceste Caffè, Al Sarago, Al Terzo, Baia di Ponente, Capo d’Anzio, Da Alceste al Buongusto, Da Gennaro, Da Pierino, Da Romolo, Il Grecale, Il Porticciolo, Il Riccio, La Fraschetta del Mare, La Piazzetta, Le Leccornie Del Gatto, Maraschino, Mistral, Oltremare, Pepe Rosso, Porto Blanco, Porto Innocenziano, Turcotto, Vittorio al Porto, Zenzero.

Per le informazioni sui servizi del Comune di Anzio, sulle iniziative turistiche e per le segnalazioni all’Amministrazione Comunale, al centro storico di Anzio, in Piazza Pia 19, è aperto l’Ufficio del Turista e del Cittadino. Presso l’Ufficio, inoltre, sarà disponibile la cartolina ricordo con la ricetta del “Risotto al nero di sappia al salto”.

Anche nel materiale pubblicitario di dicembre, insieme alla cucina ed al pescato di Anzio, sono stati promossi il Parco Archeologico della Villa di Nerone (da novembre a febbraio aperto venerdì, sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.00), il Parco del Vallo Latino Volsco (in inverno aperto dal giovedì alla domenica mattina, dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.00), la Riserva Naturale di Tor Caldara (aperta giovedì, sabato e domenica dalle 9.00 alle 14.00), il Parco di Villa Adele (aperto tutti i giorni dalle 7.00 alle 18.00), il Museo Civico Archeologico (aperto tutti i giorni dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00), il Museo dello Sbarco di Anzio (aperto martedì, giovedì, sabato e domenica dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00) ed il nuovo Ufficio del Turista e del Cittadino, in Piazza Pia 19 (aperto dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.00 ed il sabato e la domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.30 alle 18.30).  

Leggi anche

Impepata di cozze versione napoletana: ecco i consigli

Fabio Iacolare

La vera Nerano si mangia a Posillipo: Alicella dalla parte della tradizione

Fabio Iacolare

Food Blogger russe in visita al Consorzio Casalasco del Pomodoro di Gariga di Podenzano

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.