Viaggi e stili di vita

La Slovenia diventa Nazione dell’Anno agli Awards 2020 Food & Travel

La Slovenia diventa Nazione dell'Anno agli Awards 2020 Food & Travel

Durante la serata di Gala degli Awards 2020 Food and Travel Italia, tenutasi il 2 Ottobre 2020 presso il San Barbato Resort Spa&Golf a Lavello, in Basilicata, la Slovenia si è confermata protagonista.     Durante questa edizione dell’evento sono stati consegnati i riconoscimenti alle eccellenze, italiane ed internazionali, che si sono contraddistinte per la loro qualità e per i servizi in vari settori.

Il cuore verde d’Europa si è aggiudicato, infatti, ben 4 riconoscimenti, tra cui la nomina di NAZIONE DELL’ANNO. A ritirare il premio, aggiudicato sulla base delle preferenze dei lettori, degli esperti del settore enogastronomico e turistico e della redazione del magazine Food and Travel, c’era Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia: “Dopo l’arrivo, questa primavera, della Guida Michelin in Slovenia, siamo onorati da questo nuovo riconoscimento – afferma Aljoša Ota, direttore dell’Ente Sloveno per il Turismo in Italia – la gastronomia è oggi uno dei motivi principali per cui organizzare un viaggio in Slovenia, dopo il contatto incontaminato con la natura e la possibilità di vivere esperienze uniche e autentiche”.

La Slovenia trionfa agli Awards 2020 Food & Travel

Insieme ad Ota, a ritirare il premio come CHEF INTERNAZIONALE DELL’ANNO era presente Ana Roš, principale ambasciatrice della cucina slovena e Chef donna migliore del mondo nel 2017, che nel mese di marzo ha ricevuto straordinariamente 2 stelle Michelin.

Ana Roš crea i propri capolavori nella sua casa di campagna a Kobarid (Caporetto), nella valle dell’Isonzo, a pochi chilometri dal confine con l’Italia. Il ristorante Hisa Franko, letteralmente “Casa Franko”, è di proprietà del marito Valter Franko, che si occupa di rifornire le cantine con il favoloso vino del Collio sloveno. Funghi, erbe selvatiche, fiori, nocciole, noci, castagne e mele rigorosamente di stagione e poi messe subito in padella per preservarne succhi, sapori e olii essenziali. E poi le trote delle acque turchesi dell’Isonzo, dove il pesce d’acqua dolce supera di gusto e di qualità quello di mare. Ana è apprezzata per la sua grande capacità di raccontare, attraverso i suoi piatti, una zona di confine ricca di influenze etniche molto diverse, e di valorizzare la valle del fiume Isonzo in ogni sfumatura.

LEGGI ANCHE: Alassio sea food experience con il laboratorio del gusto dell’Acciugotto

Gli altri due riconoscimenti arrivano a conferma della crescente importanza che anche il settore enologico sta ormai raccogliendo in Slovenia: lo Chardonnay Opoka Cru 2017 Marjan Simčič è stato, infatti, premiato come VINO INTERNAZIONALE DELL’ANNO mentre Leonardo Simčič è stato insignito del titolo di GIOVANE IMPRENDITORE DEL VINO 2020.

Leggi anche

Caldo, impennata di consumi di energia elettrica

Fabio Iacolare

Crisi della ristorazione, l’esperto: “In Italia i ristoratori non sono veri imprenditori e non fanno marketing”

Fabio Iacolare

Tuscia: Ecco i Futures sull’olio EVO

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.