Nautica Sport

RORC Transatlantic Race, Soldini e Maserati pronti alla partenza

RORC Transatlantic Race soldini

Tutto pronto per Giovanni Soldini e Maserati Multi 70 per l’8a edizione della RORC Transatlantic Race, la regata che prenderà il via domani, 8 gennaio 2022 alle ore 11.00 UTC/ora locale (12.00 ora italiana), organizzata dal Royal Ocean Racing Club in collaborazione con Yacht Club de France.

RORC Transatlantic Race, la partenza di Soldini e Maserati

Maserati Multi 70 e le altre 31 imbarcazioni iscritte alla regata partiranno in due flotte leggermente scaglionate (alle 11:00 UTC i multiscafi, alle 11:10 UTC i monoscafi) da Puerto Calero, Lanzarote, e percorreranno 2995 miglia superando le Canarie e navigando attraverso l’oceano Atlantico fino all’isola di Grenada, nei Caraibi orientali.




Maserati Multi 70 solcherà l’oceano in assetto volante, sfidando in una gara altamente competitiva i tre multiscafi rivali, due dei quali armati di foil di ultima generazione: Argo di Brian Thompson (USA), e PowerPlay che vede a bordo i velisti inglesi Giles Scott (tattico di Ineos Team UK in Coppa America e vincitore di due ori olimpici nella classe Finn) e Miles Seddon (che con Phaedo3 nel 2015 ha stabilito il record su questa tratta). Terzo competitor del team italiano è il maxi trimarano di 80 piedi Ultim Emotion 2 di Antoine Rabaste (FRA). Comune obiettivo sarà infrangere il record di 5 giorni, 22 ore, 46 minuti e 03 secondi, stabilito dal MOD70 Phaedo 3 di Lloyd Thornburg nel 2015.

LEGGI ANCHE: Lutto al Trofeo Campobasso: muore Claudio Brighenti, gare sospese

“Alle 11 UTC prenderemo il via per la Transat, insieme ai tre multiscafi nostri rivali: Argo di Brian Thompson, PowerPlay che vede a bordo Giles Scott e Miles Seddon, e Ultim Emotion 2 di Antoine Rabaste, unico senza foil. Prevediamo una regata bella e avvincente anche se la situazione meteo in questo momento appare complicata da una depressione piuttosto bassa che fa sparire l’Aliseo e quindi la rotta classica per i Caraibi si annuncia lenta e con poco vento. Forse la soluzione sarà andare a cercare venti più stabili attorno alla bassa e quindi fare una rotta nord malgrado ci siano alcuni passaggi difficili”.

 

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Trasportounito chiede chiarezza sulla trasformazione da Ecobonus in Marebonus

Fabio Iacolare

Imperia, Piscina ‘Felice Cascione’ piena e festante per la IV Prova Ponente Ligure di Nuoto

Fabio Iacolare

Assarmatori: dal Decreto Clima e dall’INPS misure insostenibili per l’industria del mare

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.