Località di mare

Riviera del Conero, spiagge aperte nel weekend solo per residenti

Riviera del Conero, spiagge aperte nel weekend solo per residenti

Riviera del Conero, spiagge aperte nel weekend solo per residenti dei comuni marchigiani di Sirolo e Numana, le perle della Riviera del Conero, praticamente riservate ai soli residenti o domiciliati nei due Comuni, nei prossimi fine settimana di maggio.

Lo prevedono due ordinanze ‘gemelle’ firmate dai sindaci Filippo Moschella e Gianluigi Tombolini: vietata nei giorni 9 e 10 e 16 e 17 maggio attività motoria, sportiva (anche in bicicletta), passeggiate ed attività all’aria aperta in tutto il territorio comunale, comprese le spiagge.

Stop anche all’attività di manutenzione o rimessaggio delle imbarcazioni da diporto, alla pesca sportiva, sub e altre attività sportive.

Riviera del Conero, dai divieti esclusi abitanti di due Comuni

Previste multe fino a 500 euro. Le due cittadine balneari si sono trovate strette tra Ancona e Porto Recanati, i cui sindaci hanno vietato le passeggiate in spiaggia fino al 18 maggio per evitare il rischio di assembramenti.

Impossibile, secondo Moschella, contenere eventuali ondate di visitatori nei week end verso le spiagge di Sirolo e i sentieri del Monte Conero.

“Mi avevano suggerito di chiudere solo la spiaggia – spiega il sindaco di Numana Tombolini -, ma il nostro lungomare è un semplice marciapiedi e sarebbe stato anche peggio. è comunque possibile prelevare cibo da asporto e curare le seconde case”.

Il Parco regionale del Conero

La Riviera del Conero (pronuncia: Cònero) è il tratto di costa dell’Adriatico, alto e roccioso, che dal porto della città di Ancona giunge sino a quello di Numana. Prende nome da Monte Conero, che forma l’omonimo promontorio a picco sul mare, ricco di insenature e piccole spiagge rocciose o sassose; ha uno sviluppo costiero di circa venti chilometri.

LEGGI ANCHE: Dal 18 maggio riapriranno le spiagge del Comune di Fiumicino

Il territorio è protetto dal Parco regionale del Conero, il primo parco regionale marchigiano per data di istituzione.

Si cominciò a parlare di “Riviera del Conero” negli anni sessanta del Novecento, con l’istituzione dell’omonima Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo, che si proponeva di promuovere il turismo dei quattro comuni dell’area del Conero: Ancona, Sirolo, Numana, Camerano; esso era allora in fase di grande sviluppo, ed era necessario fornire assistenza ai villeggianti.

Leggi anche

Napoli Pizza Village, 14 guest star sul palco in diretta su RTL102.5

Fabio Iacolare

Le eccellenze della Costiera, insieme per sostenere il vaccino contro Covid-19

Fabio Iacolare

Energia per la vita, la Sicme sigla l’accordo: le vacanze cardioprotette a Paestum sono una realtà

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.