Località di mare Viaggi e stili di vita

L’Isola d’Elba è pronta per la stagione estiva 2021: ecco il piano

elba stagione estiva 2021

L’Isola d’Elba torna a fare squadra e si prepara ad accogliere in sicurezza i turisti durante la stagione estiva attraverso un nuovo protocollo, siglato tra gli enti locali e le associazioni di categoria dell’isola, per supportare il settore turistico.

Una proposta concreta, in coincidenza dell’avvio delle prenotazioni e dell’inaugurazione dell’anno napoleonico che ha segnato ufficialmente l’inizio della stagione estiva, in un 2021 che vedrà l’isola protagonista di una serie di iniziative dal respiro internazionale dedicate all’imperatore francese.




Con i suoi grandi spazi, le oltre 200 spiagge disponibili e i 400 km di sentieri, l’Isola d’Elba – cuore dell’Arcipelago Toscano, riserva MAB Unesco e recentemente inserito nella classifica dei parchi naturali più importanti al mondo – si pone in cima alle preferenze degli italiani, che nel 2020 l’hanno scelta come destinazione per le vacanze grazie alla sua ineguagliabile offerta capace di soddisfare le esigenze di diverse tipologie di turista.

Elba, ecco le iniziative del protocollo per la stagione estiva

Le iniziative del protocollo hanno l’obiettivo e il merito di fare fronte comune per valorizzare le attività e i servizi dedicati al turismo, rispondendo in maniera efficace e tempestiva alle nuove sfide introdotte dalla situazione pandemica garantendo, inoltre, la definizione di linee guida coerenti con la conservazione della natura e la sicurezza sanitaria, puntando sull’identità del territorio, ideale connubio natura e cultura, come punto di forza.




L’orgoglio di vivere in un’area accogliente per i residenti si trasforma, così, in un’idea generale di territorio accogliente da trasmettere anche attraverso aspetti tecnici quali: gli spostamenti verso l’isola, con la ridefinizione di slot, orari e modalità di imbarco al fine di adeguare gli standard di sicurezza sanitaria a bordo di traghetti e aerei; la programmazione di una fruizione sostenibile del territorio, al fine di ottimizzare il distanziamento sociale e al contempo offrire un’offerta turistica di qualità; la condivisione del progetto di vaccinazione di massa della popolazione residente e degli addetti al settore turistico, nell’ambito dell’iniziativa sostenuta a livello nazionale da ANCIM, al fine di offrire un territorio sicuro e controllato; la riconferma di un “tavolo permanente”, nato lo scorso anno con l’intento di elaborare strategie e protocolli operativi con i quali si è potuto gestire la stagione turistica 2020, per affrontare l’imminente stagione turistica 2021, sostenendo l’economia turistica del territorio in un clima di confronto, ascolto e condivisione.

LEGGI ANCHE: Al via alla vaccinazione di massa sulle isole minori: domani partono Capraia e le Eolie

Due le principali linee guida del protocollo, dunque, da una parte la praticabilità delle attività degli enti del settore turistico e la loro fattiva cooperazione, dall’altra, la realizzazione di un piano che permetta ai turisti di fruire in modo sicuro e in totale libertà delle numerose opportunità che l’isola può offrire, godendo appieno degli spazi aperti e incontaminati, dalle spiagge ai sentieri per il trekking, dalle riserve naturalistiche ai borghi autentici, in un equilibrio di fattori difficilmente riscontrabile altrove.

Leggi anche

America Centrale e Repubblica Dominicana investono nel campo del turismo digitale

Redazione

Pulisce la spiaggia di Le Castella e pubblica un video: il Comune la premia

Redazione

Anzio 2020, tra mare ed antiche tradizioni, nasce il primo calendario culturale

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.