Viaggi e stili di vita

Turismo, AirBnB presenta il Bahamas Sabbatical

Airbnb insieme al Bahamas National Trust, Ong locale impegnata nella tutela dei 32 parchi nazionali del paese, annuncia il Bahamas Sabbatical, un’opportunità unica per 5 persone di lasciare la propria routine quotidiana e trasferirsi per due mesi in un vero paradiso naturale.

Vivendo nell’arcipelago, composto da oltre 700 isole e 2.400 banchi corallini con acque tra le più limpide del pianeta, i partecipanti scopriranno le Bahamas in un modo nuovo, lavorando a fianco dei bahamensi con l’obiettivo di preservare le risorse naturali dell’arcipelago e rivitalizzare le industrie in declino contribuendo così alla ricostruzione di un paese che dopo i danni dell’uragano Dorian dipende fortemente dal turismo.

Tra aprile e maggio 2020, i partecipanti vivranno in tre splendide isole (Andros, Exuma ed Eleuthera), immergendosi nella cultura locale e contribuendo a preservare antiche tradizioni e preziose risorse naturali. “In questa fase di ricostruzione del paese, è un privilegio collaborare con il Bahamas National Trust per sostenere e promuovere una nazione le cui economie vivono di turismo.

Per proseguire con questo impegno, siamo lieti inoltre di sottoscrivere un memorandum d’intesa con il ministero del Turismo, al fine di promuovere le attività turistiche nel paese attraverso Airbnb, anche al di là del programma Bahamas Sabbatical. Questo è un luogo speciale e chiunque abbia visitato una qualsiasi delle isole che compongono la nazione resta ammaliato dall’aria, dal sole, dalle spiagge, dal cibo, dalle comunità e soprattutto dalla gente”, dichiara Chris Lehane, vicepresidente delle Politiche Globali e della Comunicazione di Airbnb.

Leggi anche

Sul lago di Como l’“Hilton Effect”: l’impatto dell’hotel su territorio e persone

Fabio Iacolare

Giuseppe Leone: “Da Sorrento parte il mio Grand Tour fotografico”

Fabio Iacolare

Covid19, ecco tutte le novità per viaggiare in sicurezza in America Centrale

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.