Località di mare News dal mare

Acque rosse nel lago di Bracciano: si esclude la presenza dell’alga tossica

LAGO DI BRACCIANO ROSSO

Un insolito fenomeno verificatosi sul lago di Bracciano fotografato da una passante. Stupore e preoccupazione per gli abitanti per il potenziale pericolo dell’alga tossica smentito dagli esperti. Ma si indaga sulle cause

di Donato Giannini

Il lago rosso. Così sono apparse domenica mattina agli occhi di una signora, le acque del lago di Bracciano. È la prima volta che avviene nel bacino a Nord di Roma. La vicenda è accaduta domenica mattina, quando, sul lungo lago Argenti, una donna ha notato il colore delle acque fotografandolo e postando sui social.

La notizia, rilanciata da Baraonda News, ha subito fatto il giro delle piattaforme social per trasformarsi in un vero e proprio allarme. Infatti, poche ore dopo, si sono recati sul posto i responsabili del Parco regionale di Bracciano-Martignano per effettuare i prelievi.

I primi rilievi del Parco rassicurano sulla presenza della Planktothrix rubescenses

Come comunicato dal Parco in seguito al sopralluogo sul lago di Bracciano, “pare si escluda la presenza dell’alga tossica, ma si ritiene opportuno non sottovalutare la situazione e effettuare approfondimenti da parte dell’Ufficio naturalistico e dei guardia parco attraverso un monitoraggio della zona e non solo”.

LEGGI ANCHE: I dieci laghi più belli d’Italia, per una vacanza alternativa

L’alga tossica, anche conosciuta come Oscillatoria rubescens, è una cianoficea coloniale d’acqua dolce. È considerata un indicatore di aumentata trofia di un lago: fiorisce infatti in maniera abbondante quando è disponibile molto materiale organico e/o inorganico, togliendo ossigeno all’acqua e causando la scomparsa di zooplancton. Dunque, non sarebbe riconducibile all’alga velenosa il mistero del lago di Bracciano diventato rosso sangue.

Al momento si va dunque per esclusione: nelle indagini restano anche le ipotesi dell’inquinamento dovuto alle attività illecite dell’uomo.

Leggi anche

La bellezza di Jesolo Sand Nativity sposa la cultura di Matera

Fabio Iacolare

Marina Militare, al via l’esercitazione “Mare Aperto 2019”

Fabio Iacolare

Agropoli, terza settimana di lavorazione in città per il film “Lui è mio padre”

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.