Nautica Sport

Bruni e Spithill: “Un paio di errori che si pagano, domani saremo più forti”

BRUNI SPITHILL

Il ko in entrambe le gare nella giornata 4 di America’s Cup può rendere più consapevoli gli uomini di Luna Rossa: ne sono convinti Checco Bruni e James Spithill, che in conferenza stampa, dopo le due sfide perse contro Team New Zealand, fanno un’analisi degli episodi che hanno portato alla doppia sconfitta. Adesso i kiwi sono in vantaggio per 5-3: ma la competizione è ancora aperta, secondo i due timonieri di Prada Pirelli. Brun

Bruni e Spithill: “Un paio di errori che si pagano”

Bruni e Spithill, seppur visibilmente amareggiati, non si danno assolutamente per vinti. “Abbiamo fatto un paio di errori e abbiamo pagato per questo”, ammette il timoniere palermitano. Sorride ad alcune domande, si mostra determinato. “Peccato, avevamo fatto una bella partenza – esordisce Bruni durante la disamina della gara 7 – Abbiamo cercato di tenerli dietro, senza successo. Abbiamo vinto delle regate e cercheremo di riprovarci ancora. La differenza del fiocco ha fatto la differenza: è andata bene nella prima bolina, poi le condizioni sono cambiate”.




La questione velocità, stavolta, si è fatta sentire: “Eravamo in ottima posizione al primo incrocio, dobbiamo migliorare la velocità. Abbiamo analizzato un paio di cose da migliorare, siamo lontani dal sentirci sconfitti. Il morale è alto, dobbiamo pensare alla prossima gara”.

LEGGI ANCHE: Sfortuna o errori? I momenti che condannano alla sconfitta Luna Rossa – Video

L’umore resta comunque alto in casa Luna Rossa: “I ragazzi sono professionisti e sanno che puoi avere una brutta giornata, non dobbiamo insegnarglielo. L’atteggiamento è sempre lo stesso: gara dopo gara e combattere”.

“Possiamo vincere, domani saremo più forti”

A Spithill spetta invece l’analisi della seconda gara di giornata, quella in cui clamorosamente – dopo il displacement di Emirates Team New Zealand – gli italiani non sono riusciti a gestire il vantaggio. “Abbiamo visto che siamo caduti dal foil, abbiamo cercato anche di uscire per trovare la pressione – spiega l’australiano – A un certo momento siamo scesi dal foil, non abbiamo completato la virata. Anche loro hanno avuto lo stesso problema con un buco di vento. Abbiamo fatto delle cose bene, sappiamo benissimo che possiamo vincere delle regate. Domani saremo ancora più forti”.

 

Leggi anche

Presentata la seconda edizione del Salone Nautico di Bologna

Redazione

Vela, venerdì le prime scelte di equipaggi per le Olimpiadi di Tokyo

Fabio Iacolare

Ocean Race Europe, l’arrivo ad Alicante è senza vento. Bene gli italiani

Redazione Sport

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.