News dal mare

Maltempo, surfista salvato dalla Capitaneria di Porto a Trieste

Intervento di soccorso della Capitaneria di porto di Trieste davanti al lungomare di Barcola, per un surfista che ha sottovalutato la forza delle raffiche di bora (oltre 50 km orari) e non riusciva a rientrare a terra. L’allarme è giunto alla sala operativa della Guardia Costiera sul numero blu 1530 per l’emergenza in mare, che ancora affianca il numero unico di soccorso 112. Un triestino che passeggiava sul lungomare ha notato le traiettorie pericolose e irregolari del surfista in balia delle condizioni meteo sempre più sfavorevoli e si è messo in contatto con la Capitaneria di porto, rimanendo poi in “diretta telefonica” con gli operatori del soccorso fino al termine dell’emergenza, permettendo così, con indicazioni molto precise sulla posizione del surfista, una maggiore rapidità di intervento.

Dal porto di Trieste è uscita la motovedetta Sar CP 822, che in pochi minuti ha raggiunto il giovane in balia delle onde e della bora, recuperandolo a bordo insieme alla tavola a vela e riportandolo, in buone condizioni di salute, all’interno del porticciolo di Barcola. 

Leggi anche

Marsala, un team di esperti nelle Cantine Pellegrino per nuovi rilievi sulla nave punica

Fabio Iacolare

Crisi del Porto di Cagliari, incontro col ministro dei trasporti

Fabio Iacolare

Greenpeace, proteste degli attivisti alla San Pellegrino di Ruspino

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.