Nautica Sport

Mondiali Junior canottaggio: all’Italia 7 medaglie, è quinta nel medagliere

mondiali canottaggio junior italia 3

L’Italia chiude i Mondiali Junior di canottaggio di Plovdiv (Bulgaria) con la vittoria di 7 medaglie (1 oro, 5 argento, 1 bronzo). Un bottino che consente alla nazionale junior di piazzarsi al quinto posto nel medagliere per nazioni, vinto dagli Stati Uniti con 4 medaglie (3-0-1) e risultare il secondo Paese per numero di sigilli conquistati, dietro solo alla Germania con 9 medaglie (2-3-4) e davanti alla Francia con 5 medaglie (1-3-1).

Un’Italia che, presente in tutte e 14 le specialità del programma, ha piazzato prima 13 equipaggi in finale e poi portato 27 atleti sul podio.

Mondiali junior canottaggio: Italia medaglia d’oro al quattro maschile

La medaglia d’oro è stata vinta dal quattro con maschile formato da Simone Pappalepore, Emilio Pappalettera, dai gemelli Marco e Luca Vicino (fratelli di Giuseppe Vicino, bronzo olimpico di Tokyo 2020 in quattro senza) e che insieme al timoniere Andrea Pagliaro hanno dominato una finale dove la medaglia d’argento è andata alla Turchia, mentre quella di bronzo alla Francia, staccate rispettivamente di oltre tre e sei secondi dagli azzurrini, neocampioni iridati e nuovamente in cima al mondo della specialità dopo l’ultimo successo datato 2018.




La prima delle cinque medaglie d’argento è stata, invece, quella del quattro con femminile di Chiara Benvenuti, Anna Benazzo, Alice Codato, Vittoria Calabrese e Serena Mossi al timone. Troppo forti gli Stati Uniti, che fanno gara a sé per la vittoria, ma alle loro spalle il quattro con rosa italiano è bravissimo a staccare nettamente la Germania per aggiudicarsi la medaglia d’argento. Nel quattro senza maschile sono d’argento Francesco Bardelli, Victor Kushnir, Antonio Distefano e Pietro Gilli, secondi solo ad un’ottima Spagna, ma nettamente davanti alla Germania.

Doppia medaglia d’argento per l’Italjunior nel quattro di coppia: a salire sul secondo gradino del podio prima la barca femminile di Francesca Rubeo, Alice Gnatta, Giulia Bosio e Susanna Pedrola che, al termine di una finale tirata, ha ragione per l’argento sulla Germania, mentre l’oro va alla Svizzera: subito a seguire, tra i maschi, dopo un serrate al fulmicotone è secondo il quadruplo di Andrea Licatalosi, Nicolò Bizzozero, Marco Gandola e Francesco Pallozzi che chiude a ridosso della Germania e davanti all’armo della Repubblica Ceca.

Argento anche nel singolo femminile

Il quinto e ultimo argento di giornata è stato quello, nel singolo femminile, di Giulia Magdalena Clerici, confrontatasi con l’atleta della Svizzera, neocampionessa mondiale, risultata al termine della gara di un altro pianeta. Alle spalle elvetiche impressiona però la sculler azzurrina, seconda per tutta la finale e che in chiusura resiste al rientro della Grecia, costretta da Giulia al terzo gradino del podio per soli 16 centesimi. Nel quattro senza femminile, infine, sono terze Elisa Grisoni, Irene Cravero, Emma Cuzzocrea e Giorgia Sciattella, nella finale più tirata tra tutte quelle azzurre: la Romania medaglia d’oro vince con appena un secondo e 24 centesimi di vantaggio sull’Italia, che a sua volta arriva ad appena 13 centesimi dall’argento della Francia, beffando per la medaglia di bronzo gli Stati Uniti, giù dal podio per soli tre decimi.

LEGGI ANCHE: Nastro Rosa Tour Marina Militare, al via dal 27 agosto il giro in barca a vela

Per quanto concerne i restanti piazzamenti dell’Italjunior, sono tre i quarti posti: due senza femminile (Chiara Fanciulli, Emma Piersanti), doppio maschile (Marco Dri, Emanuele Bergamin) e otto femminile (Benedetta Pahor, Letizia Mitri, Giorgia Borriello, Victoria Gallucci, Chiara Fanciulli, Caterina Monteggia, Serena Mossi, Aurora Spirito, tim. Beatrice Dileo). Quinto posto per l’otto maschile di Luigi Fragomeno, Martino Cappagli, Santo Zaffiro, Stefano Pinsone, Emanuele Meliani, Pietro Olivieri, Alberto Briccola, Nicolò Gabriele Marelli, tim. Lorenzo Fanchi, e sesta posizione infine per il doppio femminile di Edda Volponi e Alice Bussacchetti e per il singolo maschile di Marco Prati. Il due senza maschile, di Federico Ceccarino e Ferdinando Emanuele Chierchia, unica barca azzurra in finale B, vince la finalina attestandosi al settimo posto assoluto. Archiviato il mondiale, si torna a parlare di Tokyo 2020 con le Paralimpiadi alle quali parteciperanno due equipaggi azzurri che il prossimo 18 agosto partiranno alla volta del Giappone.

Nelle immagini (ph Canottaggio.org): in alto il quattro con maschile; in calce, il quattro con femminile, il quattro senza maschile, il quattro di coppia femminile, il quattro di coppia maschile, il singolo femminile, il quattro senza femminile

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Hyundai World Championships 2019 classi 49er, 49er FX e Nacra 17

Fabio Iacolare

Al via le prime regate della 36esima Coppa Primavela

Redazione Sport

Meduse e Adriatico, storia di una convivenza difficile ma non impossibile

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.