Località di mare

Ottobre, il mese ideale per trascorrere le giornate a contatto con la natura

Ottobre è il mese ideale per chi ha voglia di trascorrere le giornate a contatto con la natura, ritrovando il gusto delle cose semplici e senza soffrire il caldo. Non c’è più il caos e l’afa dei mesi prettamente estivi e si può godere di una pausa di relax in uno dei territori più belli della Penisola. Fra i giardini storici e le coltivazioni green la Costiera Amalfitana è una delle mete più gettonate per la bella stagione e l’Hotel Santa Caterina accoglie i suoi ospiti con uno speciale pacchetto che propone una visita ad Amalfi (Duomo, chiostro del paradiso e Museo della carta), ai giardini di Villa Rufolo e Villa Cimbrone, i più belli della zona, e a quelli, altrettanto splendidi, che circondano l’hotel con l’esclusiva guida di un esperto giardiniere.


Il Pacchetto “Itinerario tra cultura e giardini” comprende: 7 pernottamenti in camera doppia con balcone e vista mare; prima colazione a buffet; trasferimenti in auto all’arrivo e alla partenza da e per l’aeroporto o la stazione ferroviaria di Napoli; drink di benvenuto all’arrivo; Tour Guidato privato di Amalfi della durata di mezza giornata con visita della Cattedrale, del Chiostro del Paradiso e del Museo della Carta; Tour Guidato privato di Ravello di pomeriggio con la visita dei giardini delle ville “Rufolo” e “Cimbrone” (ingressi inclusi). In più, una visita guidata con uno dei giardinieri del Santa Caterina tra i giardini botanici, gli agrumeti, i frutteti e le coltivazioni biologiche; WI-FI gratuito in hotel (camere ed aree pubbliche).

Prezzo del pacchetto di 7 pernottamenti per adulto in camera doppia con balcone e vista mare parziale a partire da Euro 1955,00 + IVA 10% + eventuale tassa di soggiorno per persona.

Valido dal 6 Ottobre al 19 Ottobre 2019.


Il Santa Caterina è un albergo di antica tradizione, gestito dalla famiglia Gambardella fin dagli inizi del 1900, in una splendida posizione, a picco sul mare. I giardini da cui è circondato hanno un’estensione veramente eccezionale: terrazzamenti degradanti a mare, da una parte ricchi di fiori multicolori e di lussureggianti buganvillee, dall’altra di alberi di aranci e limoni. Larga parte del terreno è coltivata ad orto, in modo da rifornire le cucine di vegetali freschi in ogni stagione. Al Santa Caterina si sposa la filosofia della ristorazione a km 0 che porta in tavola i profumi e sapori tipici della cucina mediterranea. Melanzane, pomodori, zucchine, erbe aromatiche e limoni appena colti dall’orto di proprietà e prodotti regionali rendono unici i piatti tradizionali o fantasiosi proposti dal Ristorante Santa Caterina. Il tutto accompagnato da una selezione di etichette internazionali e una scelta di vini di produzione regionale.


Ravello

E’ una delle destinazioni più suggestive di tutta la Costiera Amalfitana. A Ravello è possibile vivere una vacanza tranquilla, nonostante l’importanza di molti eventi che hanno luogo proprio da queste parti e si riesce a vivere la Costiera senza l’assillo turistico che soprattutto in altra stagione colpisce gli altri centri.

Il più celebre fra i visitatori di Ravello fu senza dubbio il compositore Richard Wagner che, visitando i giardini di Villa Rufolo nel 1880, si convinse di aver trovato il luogo creato dalla sua fantasia: i giardini del mago Klingsor del Parsifal, la sua ultima opera. Non c’è solo Wagner tra i celebri estimatori di Ravello ma anche Giuseppe Verdi, Arturo Toscanini e tanti altri illustri artisti.

Tra le diverse costruzioni storiche che insistono nell’area di Ravello, il Duomo non può che rivestire un’importanza fondamentale. All’interno del Duomo di Ravello, oggi non più centro della diocesi che non esiste più, ma sede della parrocchia comunale, sono presenti inoltre due musei: il Museo dell’Opera, nella cripta della chiesa, che raccoglie urne cinerarie romane, reliquiari della prima epoca cristiana e antichi manufatti; altrettanto importante il busto di Sigilgaida Rufolo, dello stesso autore dell’Ambone del Vangelo; La Pinacoteca d’arte medievale e moderna che presenta quadri dal XVI al XIX secolo, raccogliendo quadri che erano presenti nelle cappelle del Duomo. Opere importanti di Francesco Messina, Giovanni Filippo Criscuolo, Valerio Pilon.

Villa Rufolo, che si presenta con un imponente torre di ingresso costruita nel 1200, si accede dalla piazza del Vescovado. Il luogo nella metà dell’Ottocento fu acquistato da uno scozzese, Francis Neville Reid che vi costruì una villa di chiara impronta araba. Il chiostro moresco, con il suo porticato ad archi acuti e le sue logge, ne è il più suggestivo esempio. Da vedere: la torre d’ingresso, il bellissimo chiostro, la torre maggiore, il pozzo (che ispirò Wagner), il Belvedere e la Cappella.

A Ravello si trova anche Villa Cimbrone i cui giardini, dalla struggente bellezza, ricchi “dei più bei fiori immaginabili”, sono stati in gran parte ridisegnati agli inizi del ‘900 grazie anche al prezioso contributo della botanica inglese Vita Sackville West. I giardini della Villa sono ancora oggi ritenuti tra gli esempi più importanti che la cultura paesaggistica e botanica anglossassone abbia generato al sud d’Europa. Nel lussureggiante giardino si trovano disseminate anche statue, tempietti, fontane e grotte disposte ad arte grazie all’opera del lord inglese William Beckett. Il giardino culmina poi nello scenografico Belvedere dell’Infinito che Gore Vidal definì “il più bello del mondo”. Da qui lo sguardo spazia su un meraviglioso panorama di grande suggestione.

La magia dell’Hotel Santa Caterina

A pochi minuti di distanza da Amalfi, in uno dei punti più suggestivi della costiera, l’Hotel Santa Caterina è costruito a picco sul mare, all’interno di una vasta proprietà che “precipita” fino all’acqua con una serie di splendide terrazze naturali. Due ascensori scavati nella roccia o un sentiero di spettacolare bellezza portano gli ospiti attraverso agrumeti e giardini lussureggianti fino agli impianti a livello del mare, che comprendono una piscina con acqua marina, solarium, fitness centre, café/bar e ristorante all’aperto.

La sera la magia continua nell’elegantissimo ristorante con una cena a lume di candela ammirando il suggestivo panorama di Amalfi illuminata dalla luna. E che dire della suite “Follia Amalfitana” con la sua minipiscina tonda con vetrata e vista mozzafiato sulla baia o della suite “Giulietta e Romeo” con terrazzino a picco sul mare e piscina privata a sfioro…

L’Hotel Santa Caterina ha 36 camere di tipologia standard, superior e deluxe e 13 tra junior suite, executive junior suite, suite e senior deluxe suite che si trovano nell’edificio principale. Inoltre, tra le Garden Suite, le dépendances “Villa Santa Caterina” e la “Villa il Rosso” nel lussureggiante parco si contano altre 17 camere e suite. Dal 2019 l’offerta gastronomica dell’albergo è firmata dal nuovo Chef Giuseppe Stanzione: le colazioni, gli snack, il Bistrot, l’elegante Ristorante fine dining Glicine con le vetrate affacciate sul panorama del golfo, e un menù più raffinato e personale con l’impronta dello Chef, il Ristorante Al Mare, aperto adesso sia a pranzo che a cena, con piatti più semplici e tradizionali e prevalentemente marinari. I due ristoranti panoramici dell’Hotel Santa Caterina saranno quindi aperti entrambi la sera. La Carta dei Vini offre un’accurata selezione di etichette italiane ed estere e una scelta produzione della Campania.

Leggi anche

Riccione, spiagge aperte per la seconda metà di giugno

Fabio Iacolare

Anche quest’anno Otranto si aggiudica le Cinque Vele di Guida Blu

Fabio Iacolare

Ultimo appuntamento estivo in musica al Parco Archeologico di Paestum

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.