Nautica News dal mare

Coronavirus, torna sulla terraferma dopo tre mesi e scopre la pandemia

bill norrie coronavirus

Torna sulla terraferma dopo tre mesi e scopre che il mondo è stato colpito dalla pandemia di Coronavirus: la storia di Bill Norrie, marinaio canadese, sembra provenire da un’altra epoca, quando le comunicazioni via Internet ancora non esistevano e per chi viaggiava via mare non restava altro che scoprire cosa stesse accadendo sulla terraferma soltanto una volta arrivato in porto.

Bill Norrie navigava da solo nell’Oceano Antartico

Ha saputo della pandemia da Covid-19 soltanto tre giorni fa, una volta approdato in Nuova Zelanda. Bill stava navigando da solo nella parte meridionale dell’Oceano Antartico, quando ha sentito parlare per la prima volta del coronavirus. Ma non sapeva dell’esistenza di un’emergenza epidemiologica globale. “Per me è ancora strano”, ha raccontato Norrie a TVNZ, una stazione di notizie locale in Nuova Zelanda che lo ha intervistato appena ha messo piede a terra.

Il marinaio canadese e il suo yacht britannico, Channel Cutter Pixie, hanno navigato sotto i cinque promontori più meridionali dell’Oceano Antartico, da quando sono partiti dall’isola di Vancouver alla fine di agosto.

L’ultima volta sulla terraferma l’11 febbraio scorso

Norrie era stato per l’ultima volta sulla terraferma a Cape Town, in Sudafrica, l’11 febbraio, dove si era fermato per le riparazioni, proprio mentre la pandemia di coronavirus stava iniziando a emergere come un problema globale significativo.

Ha ricevuto aggiornamenti di base sull’acqua via e-mail e telefono satellitare dalla moglie canadese-Kiwi Cathy, che era tornata a casa nella città canadese di Calgary. A quel tempo, la pandemia era appena iniziata rispetto a oggi, dove il mondo ha visto più di quattro milioni di casi di virus.

L’unico legame che Bill Norrie aveva con il mondo esterno era attraverso le email satellitari ricevute da sua moglie: chi avrebbe cercato di spiegargli la nuova vita che avrebbe dovuto assimilare in seguito.

LEGGI ANCHE: Fase 2, nonno Pasquale torna a vedere il mare a 93 anni

Mentre Norrie era stato completamente isolato dalla società durante la sua escursione, i funzionari della Nuova Zelanda lo hanno interrogato quando è arrivato a Christchurch. Alla fine, si è deciso che il marinaio non è un soggetto a rischio, data la quarantena prolungata in mezzo all’Oceano. “Ero la persona più isolata del pianeta, è ironico che non volessero farmi entrare”, ha detto ridendoci su.

Al suo ritorno, è stato accolto con birra, cibo e, soprattutto, da tutte le persone che gli vogliono bene. Bill Norrie adesso sta già programmando il suo viaggio di ritorno a casa, e i residenti locali lo stanno aiutando a fare scorta di provviste per un viaggio sicuramente lungo.

Leggi anche

Fase 2, ecco la situazione delle spiagge italiane

Fabio Iacolare

Salerno, il 30 ottobre alla Stazione Marittima il Forum Economia “Sistema portuale e sviluppo integrato”

Fabio Iacolare

Shipping, ICS incontrerà l’OMS per discutere dell’impatto di COVID19

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.