Località di mare

Piombino, riapre il Parco Archeologico di Baratti e Populonia

Piombino, riapre il Parco Archeologico di Baratti e Populonia

Piombino, riapre il Parco Archeologico di Baratti e Populonia dopo oltre due mesi di stop imposto da un’emergenza sanitaria da coronavirus senza precedenti, il prossimo sabato 23 maggio riaprirà i battenti anche il Museo archeologico di Piombino, pronti ad accogliere i visitatori con servizi potenziati e nel più rigoroso rispetto delle norme di sicurezza anti Covid-19 previste per i musei e i luoghi della cultura.

“È con grande entusiasmo che, dopo il lungo lavoro che ha visto impegnati con dedizione i dipendenti della Parchi in questi mesi così difficili e incerti per il turismo e la cultura, annunciamo la riapertura del parco archeologico e del museo” dichiara Mauro Tognoli, Amministratore Delegato della Parchi.

“Fin dall’inizio del periodo di sospensione, l’obiettivo condiviso con il Presidente Alessandro Bruni e l’intero Consiglio di Amministrazione della Società, su stimolo del sindaco Francesco Ferrari e di concerto con l’impegno dell’assessore al bilancio Paolo Ferracci a reperire le risorse finanziarie necessarie, era di esser pronti alla ripartenza non appena i Decreti Ministeriali avrebbero consentito la ripresa delle nostre attività”.

 Parco Archeologico Baratti e Populonia, ampi spazi aperti e percorsi attrezzati

Ampi spazi aperti, percorsi attrezzati, un patrimonio storico-archeologico e paesaggistico con pochi uguali, che non smette di stupire grazie alle recenti ricerche archeologiche, e un Museo su tre piani, ampio ma a misura di famiglia, con reperti unici, come l’Anfora d’argento di Baratti, sono i punti di forza dell’offerta culturale della Parchi Val di Cornia.

Inoltre, coerentemente con gli indirizzi dell’Assessore al Turismo e alla Cultura e Vicesindaco Giuliano Parodi, la riapertura vede il parco e il museo con servizi potenziati.

Tra questi, l’acquisto online del biglietto di ingresso al parco archeologico e al Museo, così da poter pianificare la propria visita, evitare le code e ridurre al minimo il tempo di permanenza nelle biglietterie, attrezzate con schermi protettivi e distanziatori, oltre a gel igienizzanti e a guanti usa e getta per gli acquisti nel museum shop e per l’utilizzo delle postazioni tattili al Museo.

Le visite guidate alla splendida necropoli etrusca affacciata sul golfo di Baratti e lungo i sentieri dell’Acropoli, con spettacolari affacci sull’area archeologica e sull’arcipelago toscano, saranno contingentate per un’esperienza in sicurezza, ma i tour saranno in numero tale da garantire la fruizione durante tutta la giornata, a partire dal mattino alle ore 10.30.

Novità anche per il Museo archeologico, dove con lo stesso obiettivo di garantire sicurezza e un’esperienza culturale completa, dal prossimo sabato sono previste visite guidate pomeridiane alla Collezione. Un’occasione anche per i residenti per godere del proprio patrimonio e riscoprirne la bellezza immutata.

LEGGI ANCHE: Ultima conferenza estiva al Museo archeologico di Piombino 

A maggio il parco e il museo saranno aperti sabato e la domenica dalle 10.00 alle 18.00 (aperti anche lunedì 1 e martedì 2 giugno). Visite guidate al parco a partire dalle ore 10.30 (ultima visita utile ore 16.30 alla necropoli, ore 16.00 per l’acropoli di Populonia), al Museo alle 14.30 – 15.30 – 16.30.

Leggi anche

Cagliari, quarta settimana di programmazione web dei centri museali

Fabio Iacolare

Tervetuloa a Helsinki: gli hotel MEININGER arrivano in Finlandia

Fabio Iacolare

Maccarese, il sunset party di successo in Italia diventa un festival estivo

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.