Nautica Sport

Classi ILCA, al via le qualificazioni per Tokyo 2021

classi ilca

Primo giorno di regate, quello di ieri, a Vilamoura (Portogallo) per l’Olympic Qualification Event per le Classi singolo maschile ILCA 7 e femminile ILCA 6. Le attenzioni della vela azzurra sono tutte per la categoria maschile, dal momento che in quella femminile l’Italia ha già in tasca la qualifica per le Olimpiadi di Tokyo 2021. Decisive le prossime gare in programma fino a sabato.

Classi ILCA, come è andata ieri in Portogallo

Prima giornata di regate con vento medio leggero, al mattino dai 7-8 nodi fino a 10-11 nella seconda prova. Tra i velisti azzurri, i due atleti più attesi hanno fatto una partenza speculare: Alessio Spadoni (CC Aniene), ottimo nella prima manche di batteria e male nella seconda (3-33), l’inverso per Giovanni Coccoluto (Fiamme Gialle) (31-6). Il risultato è che i due timonieri dopo il primo giorno occupano rispettivamente il 31° e il 33° posto nella classifica assoluta.




Da segnalare che in testa alla classifica dopo le prime due prove c’è l’intramontabile fuoriclasse brasiliano Robert Scheidt (2-2), davanti al russo Maxim Nikolaev e al croato Tonci Stipanovic. Si infiamma subito la lotta tra le nazioni a caccia dei due posti olimpici in palio, e l’Italia inizia all’inseguimento, visto che sono partiti bene la Spagna (due timonieri nei primi dieci posti), il Belgio (uno al decimo posto) e la Svizzera (al tredicesimo).

Passaggio del turno decisivo per l’Italia

Sarà decisivo per gli azzurri passare il turno entrando nella fase finale con la flotta Gold, e giocarsi le proprie carte da giovedì a sabato. Gli altri italiani dopo la prima giornata: 40 Gianmarco Planchestainer (Fiamme Gialle) (24-20), 43 Dimitri Peroni (FV Malcesine) (36-13), 45 Nicolo’ Villa (CV Tivano) (27-22), 52 Giacomo Musone (CN Rimini) (38-19), 73 Cesare Barabino (YC Olbia) (26-51), 113 Matteo Paulon (CV Torbole) (39-DNC).

LEGGI ANCHE: SailGP, Peter Burling e il suo team in acqua per le prove

Nell’Ilca 6 femminile, partenza lanciata della danese Anne-Marie Rindom, la grande protagonista delle ultime stagioni: 1-1 nelle due manche di batteria, solo la greca Vasileia Karachaliou ha tenuto il passo (1-1), già staccate le altre. La pattuglia delle timoniere azzurre, non avendo l’obiettivo qualifica (l’Italia ha il pass olimpico in questa classe dal Mondiale 2018 in Olanda), ha regatato in scioltezza con alti e bassi. Rimarchevole il piazzamento della under 19 Sara Savelli (alla prima stagione sulla categoria olimpica Ilca 6, è stata medaglia di bronzo Laser giovanile 4.7 nel 2019): con 5-21 nelle due manche occupa il 19° in generale. Le altre italiane tutte oltre il 45° posto.

 

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Varato Maiora 30 Convertible, il nuovo yacht firmato Gruppo Fipa

Fabio Iacolare

Tutto pronto per la Notte Rosa, il Capodanno dell’estate italiana

Fabio Iacolare

Marco Mengoni, il 24 novembre al Palasele di Eboli

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.