Nautica Sport

Bona e Beccaria pronti per la volata finale della Défi Atlantique 2023

défi atlantique 2023 beccaria

Ci si avvia verso la conclusione della Défi Atlantique 2023, con Ambrogio Beccaria e Alberto Bona che inseguono Lipinski rispettivamente in seconda e terza posizione.

Nelle ultime 24 ore il navigatore italiano a bordo di IBSA ha tenuto la testa della regata per lunghi tratti, salvo poi farsi scavalcare dal francese nelle ultime ore.

Beccaria e la rotta fino alla fine della Défi Atlantique 2023

La flotta si è mantenuta compatta allo start della regata, sulla spinta del vento di nord-ovest, per poi dirigersi verso le coste spagnole. Primo ostacolo rappresentato dal passaggio a Finisterre, zona di passaggio delle navi commerciali, dentro la quale le barche non possono transitare. I velisti hanno deciso così di assecondare il vento e di transitare a nord dell’area, seguendo la depressione e strambando immediatamente dopo per puntare dritti il traguardo francese, a La Rochelle.




Vediamo ora la traiettoria che seguirà che seguirà la flotta nelle prossime 24 ore e fino al traguardo. La spiegazione ce la fornisce direttamente Ambrogio Beccaria sulla sua pagina Facebook.

Ricordiamo che per vincere, l’equipaggio di Alla Grande deve staccare Ian Lipinski e Crédit Mutuel di due ore e non subirne più di tre da Alberto Bona su IBSA.

LEGGI ANCHE: World Series, Luna Rossa non gareggerà a Cagliari: addio definitivo

Ripetiamo ai nostri lettori che la regata si presenta come una return transat, ideale per tutte le barche che vogliono tornare a casa in maniera competitiva dopo le regate transoceaniche caraibiche. Ricordiamo, inoltre, che la seconda tappa della Défi Atlantique dovrebbe venire completata in circa 6 giorni, rendendo così questi attimi fondamentali, per guadagnare quel vantaggio che tra qualche giorno può rivelarsi fondamentale.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Pescherecci Italiani in Libia, Federpesca: “L’accordo con Haftar è valido”

Fabio Iacolare

Rio de Janeiro, Maserati Multi 70 taglia il traguardo della Cape2Rio 2020

Fabio Iacolare

Sergio Davì e l’Aretusa Explorer lasciano il mar Mediterraneo

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.