Nautica News dal mare

Il Porto di Pisa per la tutela ambientale, ecco l’ultima iniziativa

porto di pisa

Il Porto di Pisa, ricco di storia e da tempo impegnato nella sua battaglia in favore della tutela ambientale, continua a portare avanti la sua missione di sensibilizzazione contro gli sprechi e l’inquinamento, ponendo particolare attenzione ai giovani. L’ultimo esempio è l’installazione di contenitori per la raccolta di mozziconi di sigarette, in cui si può rispondere alla domanda “Il delfino è un pesce o un mammifero?”, gettando il rifiuto nel foro della propria scelta.




Porto di Pisa: “Nostra iniziativa come spunto di riflessione”

«Negli ultimi anni molte indagini svolte per valutare qualitativamente e quantitativamente la presenza dei rifiuti hanno dimostrato che la plastica rappresenta l’80% del marine litter trovato sulle spiagge e, in questa triste classifica, i mozziconi delle sigarette sono al quarto posto», ha spiegato Michele Magri, Responsabile Progetti Ambientali del Porto di Pisa. In Italia si consumano infatti circa 134 milioni di sigarette ogni anno e i due terzi dei mozziconi vanno a finire in mare attraverso gli scarichi, le acque di dilavamento e i fiumi. «La nostra iniziativa è semplice, ma vuole essere uno stimolo di riflessione, soprattutto per i più giovani e ci impegneremo a sostituire la domanda con altri quesiti, sempre inerenti al mare e all’ambiente».

Grande sostenitore di questa iniziativa è Simone Tempesti, Amministratore Unico Porto di Pisa: «Per il sesto anno consecutivo il Porto di Pisa è stato insignito della Bandiera Blu, un riconoscimento significativo perché certifica e premia la qualità dei servizi che offriamo ai diportisti. Senza dimenticare che il nostro Porto ha un primato importante: è stato il primo porto turistico plastic-free d’Italia, a dimostrazione di quanto sia radicata la vocazione alla tutela ambientale».

LEGGI ANCHE: SailGP, trionfa ancora una volta l’Australia, delusione Nuova Zelanda

«La FEE, l’organismo che rilascia la Bandiera Blu, ci invita a darci degli obiettivi: per quest’anno abbiamo indicato la biodepurazione, attraverso l’utilizzo di organismi filtratori autoctoni, la continuazione del progetto Seabin, il cestino galleggiante “mangia rifiuti”, e la raccolta dei mozziconi di sigaretta» ha infine concluso Magri.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Successo per la prima edizione della “Veleggia tra le Boe di fine Estate”

Fabio Iacolare

Marta Magnano e la sua Churingas: “La mia casa è una barca a vela”

Fabio Iacolare

Galata Museo del Mare di Genova riapre domani: tariffe agevolate per tutti

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.