Nautica Sport

A maggio l’Ocean Race Europe: tappa finale a Genova e lotta alle microplastiche

tappa finale a genova e lotta alle microplastiche nell'ocean race europe

Il 29 maggio prenderà il via a Lorient, in Francia, l’Ocean Race Europe che si concluderà a Genova il 19 giugno. A bordo gli scafi monteranno attrezzature per misurare la presenza di microplastiche nel mare e gli effetti del cambiamento climatico.Le altre tappe dell’Ocean Race Europe saranno Cascais in Portogallo e Alicante in Spagna. Due le classi di barche che partecipano alla competizione: gli IMOCA 60 a foil e i monotipi VO65.




La flotta IMOCA vedrà almeno 5 barche in gara con squadre da Francia, Germania e Stati Uniti. Per gli IMOCA 60 saranno almeno 7 i team nella competizione con iscrizioni da Austria, Lituania, Messico, Paesi Bassi, Polonia e Portogallo. Molte squadre useranno l’Ocean Race Europe come allenamento e tappa di avvicinamento alla Ocean Global Race che partirà nel settembre 2023 e festeggerà il 50esimo anniversario della competizione. 

L’Ocean Race Europe per lo studio delle microplastiche e il riscaldamento dei mari

Con l’edizione 2021 l’Ocean Race Europe continua l’impegno nella sostenibilità e nella sensibilizzazione verso le tematiche ambientali iniziato con l’edizione 2017-2018. Diverse imbarcazioni in gara monteranno a bordo attrezzature scientifiche per acquisire misurazioni delle microplastiche nell’acqua e dati sull’impatto del cambiamento climatico sui mari.

L’oceano gioca un ruolo fondamentale nella regolazione del clima, assorbendo il calore prodotto dall’uomo e parte dell’anidride carbonica. In questo modo mitiga il cambiamento climatico. La plastica, d’altro canto, è un problema più visibile, con almeno 8 milioni di tonnellate di rifiuti che entrano nell’oceano ogni anno, danneggiando le specie marine che la ingeriscono o vi restano impigliate.

I dati raccolti durante l’Ocean Race Europe saranno forniti alle organizzazioni scientifiche che stanno studiando e mappando questi problemi. Tra queste c’è EuroSea, un programma finanziato dalla Commissione Europea che valuta il ruolo dell’oceano nel cambiamento climatico e migliora il sistema di osservazione dei mari.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

 

Leggi anche

Differenza tra squalo e pesce spada, come riconoscerli per evitare le truffe

Fabio Iacolare

Le 10 spiagge dell’Elba che non vi faranno rimpiangere i Caraibi

Fabio Iacolare

Dall’America’s Cup alle Olimpiadi di Tokyo: il calendario di vela 2021

Redazione Sport

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.