Nautica

Vendée Globe, Bestaven e gli altri alle prese con i venti deboli

bestaven vendée Globe

Il leader del Vendée Globe Yannick Bestaven è costretto a gareggiare al limite della zona di ghiaccio nel Pacifico meridionale mentre cerca di districare il suo Maître CoQ IV da un anticiclone frustrante che offre brezze insolitamente leggere o moderate, anche se corrono a 55 gradi Sud.

Bestaven ha visto il suo margine eroso a 84 miglia da Charlie Dalin, mentre Thomas Ruyant è a circa 80 miglia dietro. Ma se Yannick riesce a divincolarsi e i suoi inseguitori rimangono intrappolati nell’anticiclone, il leader potrebbe guadagnare un anticipo di molte centinaia di miglia.




Bestaven si è portato a 3,4 nautiche dalla linea virtuale prima di tornare indietro verso nord-est, cercando sempre di rimanere il più a sud possibile dove i venti sono più forti.

Dalin: “Molto stressato, cerco di navigare più forte che posso”

Charlie Dalin, in seconda posizione, ha ammesso che lo stress dello scenario lo teneva sveglio durante una fase di cui aveva davvero bisogno di massimizzare.




Parlando oggi al Vendée Globe English Live show, al buio durante la notte dell’Oceano Pacifico meridionale, Dalin ha detto: “Sono sotto un alto livello di pressione perché il mio deficit di 90 miglia rispetto al Maitre Coq potrebbe trasformarsi in 1000 miglia. Sono molto stressato, cerco di navigare più forte che posso per essere in grado di rimanere a est di questo centro di alta pressione, che viaggerà verso di noi nei prossimi due giorni. È davvero stressante perché so che se non ci riesco potrei finire in un sistema diverso da Yannick e perdere molto terreno”.

Vendée Globe, Bestaven e gli altri colpiti dal vento debole e irregolare

Sono i primi sei skipper, Bestaven, Dalin, Ruyant, Herrmann, Le Cam e il debuttante Benjamin Dutreux, i più colpiti da questa zona di vento debole e irregolare. Dietro di loro i sistemi si stanno allineando per offrire un significativo recupero in un forte flusso da nord-ovest.

“Ci sarà un raggruppamento che torneranno forti da dietro, è un po ‘fastidioso ma fa tutto parte del gioco”, ha osservato Dutreux. Damien Seguin del Groupe Apicil sta lottando duramente per trarre il meglio da ogni possibile rimonta: “Ho l’opportunità di tornare. Sono pronto a combattere. Sto aspettando il momento giusto”.

Dopo la sua sosta a Macquarie Island, Louis Burton è di buon umore, pronto a spingere il più possibile per recuperare le miglia perse. Dopo essere stato secondo nell’Oceano Indiano meridionale prima del suo danno, lo skipper di Saint Malo è concentrato nel dare il massimo per raggiungere la top five, che era il suo obiettivo prima della partenza.




E il migliore nel Pacifico meridionale era stato costantemente Armel Tripon su L’Occitane in Provenza. Oggi ha registrato la migliore velocità media della flotta: 446 miglia 24 ore rispetto alle 257 di Thomas Ruyant. “I numeri parlano più delle parole”, ha scritto Tripon questa mattina dopo essere entrato nel Pacifico meridionale. “Alla mia destra, l’Antartide, un immenso continente che sogno di vedere da vicino un giorno, e davanti a me, lontano, molto lontano, Cape Horn! Tra noi, un oceano gigantesco e davanti a tante piccole barche che sogno di sorpassare!”. Una parte di quel sogno sembra sicuramente avverarsi.

LEGGI ANCHE: Vendée Globe, Pedote recupera 50 miglia e consolida la nona posizione

Per Didac Costa, il passaggio di Cape Leeuwin è come regalo per il suo 40° compleanno. Il pompiere di Barcellona, ​​attualmente in 19 ° posizione, ha festeggiato oggi i suoi 40 anni e dovrebbe attraversare Cape Leeuwin prima di mezzanotte sull’ex-Kingfisher di Ellen MacArthur con cui ha vinto la Route du Rhum 2002. Didac, che ha corso la sua regata 2016-17 in gran parte da solo sotto la guida dell’Australia, combattendo randa e problemi tecnici, sta combattendo in una delle 5 IMOCA in una partita emozionante come al vertice della flotta. Parla continuamente con lo skipper britannico Pip Hare, Stéphane Le Diraison, Manu Cousin e Arnaud Boissières che è il leader della piccola squadra.

Leggi anche

Fase 2, ecco le linee guida per stare in spiaggia

Davide Gambardella

Rilancio del comparto mare: “Impegno di tutti gli attori coinvolti”

Fabio Iacolare

Narke presenta GT95 Cyberjet, la moto d’acqua 100% elettrica

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.