Nautica Sport

SailGP Taranto: Ainslie e il suo team vogliono difendere il podio di Saint-Tropez

SailGP Taranto

Mancano poche ore alla partenza del Rockwool Sail Grand Prix Italy di Taranto: l’organizzazione del SailGp è tornata per la seconda volta nelle acque del Mar Grande per il quarto evento della quarta stagione di regate internazionali, in programma oggi e domani nelle acque della città pugliese.

Dopo esser salito sul podio due settimane fa, l’Emirates Great Britain SailGP Team, lontano per due anni e mezzo dai piani alti della classifica, è arrivato a Taranto con una prospettiva fiduciosa per la seconda delle tre gare consecutive del campionato. Ben Ainslie suona la carica e si augura di avere quel pizzico di fortuna che non guasta mai.

SailGP Taranto, Ainslie: “La fortuna serve, speriamo di averne anche qui”

Ainslie ha dichiarato: “Abbiamo una squadra di talento dentro e fuori dall’acqua e per qualche ragione semplicemente non riuscivamo a salire sul podio a causa dei troppi errori. A Saint-Tropez ci siamo ripresi, la nostra comunicazione è stata migliore e a volte serve anche un po’ di fortuna. Speriamo di averne anche qui”.




A Taranto la pressione è alta, e affinché il team Danimarca di Nicolai Sehested possa esibirsi bene, dovranno evitare gli errori commessi a Saint-Tropez che gli sono costati la finale.

La Danimarca non vuole più errori: “Impareremo dalla lezione di Sain-Tropez”

Sehested ha dichiarato: “Dobbiamo guardare avanti a questo fine settimana, non indietro. La nostra comunicazione era sbagliata e pensavo che avremmo dovuto battere Emirates Gran Bretagna ma non l’abbiamo fatto; impareremo da questo e cercheremo di non farlo di nuovo. Per noi è sempre stato un obiettivo raggiungere una costanza che garantisse buoni risultati.”

LEGGI ANCHE: Millevele 2023, oltre 200 barche alla linea di partenza: oggi il via

Sfortunatamente per le prove ufficiali di ieri, la linea di partenza era composta solo da 9 e non 10 team nazionali a causa del cedimento strutturale della vela alare del team neozelandese di Peter Burling – causato dal disallineamento dell’ala – durante l’ultimo evento a Saint-Tropez.

Il Wing Trimmer e co-CEO Blair Tuke ha dichiarato: “È incredibilmente deludente non riuscire a sfruttare lo slancio del primo giorno a Saint-Tropez, ma abbiamo già affrontato delle avversità e torneremo più forti a Cadice, e per il resto della stagione.”

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Delta del Po, al via la Scuola di Mare e Biodiversità sulla Goletta Verde

Fabio Iacolare

The Ocean Race a Genova: Regione Liguria al lavoro per il bis

Claudio Soffici

America’s Cup, Team UK punta sui ciclisti, ecco dove si allenerà

Claudio Soffici

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.