Diporto

In barca nel Mediterraneo, ecco le 10 destinazioni più belle

In barca nel Mediterraneo, ecco le 10 destinazioni più belle

Ecco secondo gli esperti interpellati da Non Solo Nautica le 10 destinazioni più belle per chi ama trascorrere le vacanze in barca nel Mediterraneo.

Decidere di partire in barca è una delle esperienze più avventurose e sorprendenti che potrete mai fare nella vostra vita. Quali sono le destinazioni da scegliere?

Abbiamo consultato alcuni vecchi “lupi di mare” e le recensioni online per stilare una classifica con le 10 destinazioni più belle da visitare in barca nel Mediterraneo.

In barca nel Mediterraneo, ecco quali sono gli approdi più belli

Oggi scopriremo i paradisi nascosti del Mediterraneo pronti ad accogliervi per un viaggio diverso, avventuroso ed a stretto contatto con il mare, ma ugualmente sicuro e confortevole.

1. Isole Egadi, Italia

Se la Sicilia è sulla mappa della vostra prossima vacanza in barca nel Mediterraneo, le Isole Egadi sono un must che non può assolutamente mancare sulla vostra rotta.

Incontaminato, autentico e praticamente senza auto, troviamo l’arcipelago delle Isole Egadi, che comprende le isole di Levanzo, Marettimo e Favignana: queste isole si trovano al centro della più grande riserva naturale marina del Mediterraneo, con vari porti turistici con tutti i comfort del caso.

 

2. Isola di Gozo, Malta

L’isola di Gozo è rimasta fondamentalmente rurale, con dolci colline perlopiù coltivate tra le scogliere frastagliate che merlettano la costa. A sud si incontrano le profonde insenature di acqua smeraldo di Mgarr ix Xini, disabitata, e Xlendi bay, con un ridente paesino dotato di svariati ristoranti bord de mer.

POTREBBE INTERESSARTI: Le migliori spiagge per gli amanti del surf in America Centrale

A ovest, invece si ancora nella baia blu di Dweira, quasi chiusa dallo scoglio chiamato Fungus Rock, dove i Cavalieri scoprirono un particolare tipo di fungo che si riteneva curasse svariate malattie.

Poco più a nord c’è il Blue Hole, una sorta di piscina di roccia che sott’acqua rivela suggestivi archi naturali e giochi di luce, molto amata dai subacquei.

Mentre accanto c’era la famosa Blue Window, un maestoso arco naturale purtroppo crollato sotto l’impeto dei flutti la scorsa primavera.

3. Baia di Cattaro, Montenegro

Il Montenegro negli ultimi anni è diventato una delle destinazioni di viaggio più calde d’Europa, in particolare per quanti desiderano fare una vacanza in  barca nel Mediterraneo.

Il porto turistico di Porto Montenegro, sulla baia di Cattaro, si sta guadagnando la reputazione di porto di riferimento per i proprietari di barche nel Mediterraneo centrale. Caratterizzate da profondi bacini perfettamente riparati dal mare aperto, le bocche di Cattaro costituiscono uno dei migliori porti naturali del mar Mediterraneo. Grazie a questa caratteristica, unitamente alla facile difendibilità, furono un importante punto strategico illirico, greco e quindi romano e bizantino

4. Laguna di Balos, Grecia

A Creta c’è la laguna di Balos, una lingua di sabbia che unisce il promontorio di Corico a Capo Tigani. Le uniche due costruzioni che si possono scorgere sono una cappella sulle alture di Capo Tigani e le rovine di una fortezza veneziana del XVI secolo sull’isola di Imeri Grabusa.

La laguna si è formata a causa dell’insabbiamento dell’isola di Capo Tigani, che si erge a 117 metri di altezza, che oggi è divenuta una penisola grazie a due lingue di sabbia lunghe circa 400 metri. Il porto più vicino è quello di Kissamos che si trova nella parte occidentale dell’isola di Creta, a 42 chilometri a ovest della città di Chania, ed è un ottimo punto di partenza per andare alla scoperta dei tesori dell’isola.

5. Marina ACI di Pula, Croazia

Pula si trova sulla costa sud-ovest dell’Istria, in una baia naturale protetta da una penisola e da un frangiflutti orientato per NNW.

Il Marina ACI di Pula si trova nella parte sud-est del porto di Pola.
Attenzione a quando si entra nel porto interno e nella marina prestare attenzione alla secca “plicina Uljanik” contrassegnata da quattro boe, mentre per le barche a vela è preferibile evitare la navigazione a vela attraverso il passaggio fra le isolette Katarina e Andrija.

6. Kélibia, Tunisia

Kélibia è una città costiera della Tunisia sita nei pressi di Capo Bon e appartenente al governatorato di Nabeul. La città conta importante porto peschereccio e il suo nome deriva dal porto fenicio di Clupea, occupato da Agatocle nel 310 a.C. e distrutto da Scipione nel 146 a.C.

Monumento principale della città è la fortezza bizantina del VI secolo che sovrasta il porto.

Si consiglia di ormeggiare a Marina di Capo Monastir, dove i servizi portuali sono completi: banchina, acqua dolce, elettricità alla banchina (220V-380V e 500V), scheda telefonica e TV, aerea di carenaggio, impianti. Capo Monastir offre 386 posti barca fino a 45 metri di lunghezza.

7. Marina di Vlichada a Santorini, Grecia

Visitare Santorini in barca è un’operazione che richiede un notevole quantitativo di pazienza, spirito di sopportazione (a causa dei turisti che spuntano ovunque) e adattabilità (per via degli ormeggi spesso “fantasiosi” a cui si è costretti),

Un’opzione percorribile è sicuramente quella di ormeggiare al marina di Vlichada, noleggiare una macchina e visitare la città nell’ambito di un giro completo dell’isola; l’altra opzione, più complicata ma in un certo qual modo anche più affascinante, è quella di arrivarci direttamente in barca, a Fira, e provare a cercare posto lungo la banchina che costituisce il “porto” della cittadina (che in realtà uno scalo vero e proprio ce l’ha, ma è esclusivamente dedicato ai traghetti passeggeri).

8. Ayvalik, Turchia

Il Setur Ayvalik Marina si trova ad Ayvalik (Turchia). Tutti quelli che vi si legheranno per una vacanza in  barca nel Mediterraneo potranno godere dei servizi più basilari come acqua, elettricità e benzina.

La Marina Setur Ayvalik e l’ ideale per mega yacht, barche a vela di 50,00 m di lunghezza e pescaggio massimo di 15,00 metri.

Nel caso in cui tu debba fare un qualche tipo di lavoro sulla tua barca, il marina Setur Ayvalik Marina ha una travelift per imbarcazioni fino a 80 tonnellate.

9. Cala Gració  sull’Isola di Ibiza, Spagna

Cala Gració è situata lungo la costa dell’isola di Ibiza, nella parte nord- occidentale: una baia a forma di U, delimitata a nord da Cap Negret e a sud da Cap Blanc ed è suddivisa internamene in due insenature più piccole.

Entrando nella baia e tenendosi sulla destra, si incontra l’insenatura più grande, mentre l’insenatura più piccola viene invece chiamata Cala Gracioneta e si trova nella parte più settentrionale ed occidentale della baia. Il posto migliore dove stare alla fonda a cala Gració è nella parte centrale, ad almeno 150 metri dalla riva, dove i fondali hanno una profondità che varia dai quattro ai sei metri.

LEGGI ANCHE: Ecco i 10 luoghi italiani che ricordano altri posti nel mondo

La baia è circondata da basse scogliere di pietra rossa e si trova in una zona semi urbanizzata, con pochi e piccoli edifici. In prossimità della spiaggia sono state costruite delle piccole rimesse per le imbarcazioni.

10. Limassol Marina, Cipro

Limassol Marina è la nuova destinazione più eccitante della regione, che offre uno stile di vita unico creato per “vivere in mare”. Limassol Marina è gestita da Camper & Nicholsons Marinas in collaborazione con Francoudi e Stephanou Marinas, unendo l’eccellenza di Camper & Nicholson riconosciuta a livello internazionale in servizi e strutture con le migliori competenze locali.

Oltre al porto turistico, il progetto comprende eleganti residenze con ristoranti e negozi esclusivi, per creare uno stile di vita veramente mediterraneo caratterizzato solo dal “vivere in mare”.

Leggi anche

Genova, un sabato da Record al Salone Nautico Internazionale 2019

Fabio Iacolare

Il Salone Nautico di Venezia tra convegni design, sicurezza e “green”

Fabio Iacolare

Team Italia presenta la plancia I-bridge dotata di head up display trasparente

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.