Nautica Sport

Vendée Globe, Charlie Dalin guida mentre i favoriti affrontano le loro sfide

Vendée Globe Charlie Dalin

In una sequenza di abbattimenti sottovento sotto il sistema di alta pressione di Saint Helena nell’Atlantico meridionale, Charlie Dalin (Apivia) è diventato il nuovo leader del Vendée Globe questa mattina.

Ha superato il suo stretto rivale Thomas Ruyant (LinkedOut) e ha continuato a costruire un vantaggio di 20 miglia mentre fanno slalom verso un’area di venti più leggeri e variabili che bloccano il passaggio del duo in fuga verso i ruggenti anni Quaranta che sono ancora circa 600 miglia nautiche a sud.



Vendée Globe, Charlie Dalin in testa alla classifica

Charlie Dalin è in testa alla classifica della Vendée Globe per un rapporto di posizione all’inizio della gara, ma è uno dei dieci diversi leader da quando domenica 8 novembre è iniziata la gara non-stop in solitaria intorno al mondo. Mentre il duo è in testa alla latitudine di Itajai, in Brasile, ha più di 250 miglia a disposizione su Jean Le Cam, terzo classificato (Yes We Cam), anche se l’astuto e ostinato veterano Le Cam è più che tenere testa.




Dalin e Ruyant, entrambi originari del nord, dalla costa francese della Manica, potrebbero ancora vedere due aree di alta pressione unirsi insieme per rendere il corso a sud estremamente difficile. Mentre il gruppo di testa cerca di trovare la rotta migliore attraverso un modello meteorologico complesso, a una velocità della barca di 16-18 nodi questo pomeriggio, lo skipper britannico Alex Thomson rimane volutamente rallentato con venti leggeri, più di 350 miglia a nord ovest dei leader. Ha 48 ore per affrontare una serie complicata di riparazioni alla trave di supporto longitudinale centrale principale verso la prua del suo HUGO BOSS.

Thomson: “Problema significativo alla mia barca, ma le condizioni meteo aiutano”

Lo skipper britannico ha inviato oggi un video dettagliato del danno, sottolineando: “Il problema è abbastanza significativo. Il longitudinale centrale è rotto in parecchi posti. La buona notizia è che portiamo così tanti materiali per riparare questo tipo di cose, piastre c, pannelli solidi e persino travi, abbiamo molti materiali per ripararlo e l’altra buona notizia è che non sono nell’Oceano Antartico”.




“Sono nel mezzo della Saint Helena High e quindi ho buone condizioni per essere in grado di svolgere il lavoro e l’altra buona notizia è che mi sento super positivo e felice di continuare per portare a termine questo lavoro e tornare in gara il prima possibile possibile”, ha proseguito Thomson. “Quindi non mi sento triste. Potrebbe volerci un altro giorno o giù di lì per fare la riparazione e gli ingegneri e i progettisti sono assolutamente fiduciosi che la barca sarà forte se non più forte di prima”.

Jérémie Beyou e gli altri inseguono

Dalla sua posizione a 120 miglia dalla costa africana, Jérémie Beyou ha offerto oggi il suo sostegno alla sua controparte britannica. Il velista francese avrebbe dovuto essere il principale rivale di Thomson in questa regata, ma mentre Thomson ripara, Beyou insegue la flotta ancora 600 miglia dietro il marcatore Kojiro Shiraishi e 3000 miglia dietro Dalin. I loro globi della Vendée sono ora enormemente diversi da ciò che speravano.




Il danno al suo Charal significa che Beyou è dovuto tornare a Les Sables d’Olonne e ricominciare nove giorni dopo la partenza originale. Così, proprio come Thomson ha ammesso che la riparazione di ieri può essere parte integrante del Vendée Globe, così la corsa di Beyou per recuperare il ritardo è diventata anche una Vendée Globe diversa, una scoperta di sé e una prova di motivazione (guarda il video con le dichiarazioni degli skipper).

“Un dolore vedere rallentare Thomson”

“In termini di morale ho alti e bassi” ha detto stamattina Beyou, “In questo momento sono triste per Alex, perché per lui è un rompicoglioni, è un dolore vederlo rallentare. Ha una grossa riparazione da fare, non è davvero bello. Ho pensato a lui tutto il giorno. Lo sostengo, spero che risolverà la situazione e tornerà presto a combattere. Ma quando vedo che sono 3000 miglia dietro al comando, che sono nell’Atlantico settentrionale mentre loro sono sul fondo dell’Atlantico meridionale, non è facile conviverci. Approfitto del fatto che la barca sta andando bene e sto facendo progressi di ora in ora”.

LEGGI ANCHE: Vendée Globe, Alex Thomson rallenta per una riparazione al baglio

L’amico e rivale tedesco di Thomson Boris Herrmann (Seaexplorer – Yacht Club de Monaco) è stato il prossimo in linea a beneficiare del problema del velista HUGO BOSS ed è salito al quinto posto questo pomeriggio. Il britannico Sam Davies (Initiatives Coeur) è al decimo posto e fa pressioni per restare con il nuovo e teoricamente più veloce ARKEA PAPREC di Sébastien Simon.




In fondo al secondo gruppo di sei barche, Davies potrebbe scegliere di immergersi presto a sud e potenzialmente navigare per più miglia, ma evitare il disordinato blocco stradale di venti leggeri che si prevede si svilupperà.

Pip Hare al ventesimo posto

Il suo connazionale britannico Pip Hare, che è al suo primo Vendée Globe, ha portato Medallia attraverso l’Equatore nell’Atlantico meridionale questo pomeriggio dopo un impegnativo passaggio di Doldrums. È al 20° posto nella flotta di 31 barche, a 11 miglia sul rivale catalano Didac Costa, un ex rivale di Mini 650 giorni. Il duo trarrà vantaggio dalla competitività reciproca, anche perché il vigile del fuoco a tempo pieno di Barcellona ha avuto contatti molto sporadici con altri skipper nella sua gara 2016-17 perché ha dovuto ripartire con quattro giorni di ritardo a causa di una perdita del serbatoio di zavorra che ha allagato il suo alternatore.



Leggi anche

La Cinquecento Trofeo Pellegrini 2020: la flotta è a metà percorso

Redazione

Vela, sfuma il pass Olimpico per le azzurre della classe 49er FX

Redazione Sport

Vela, penultimo giorno del Mondiale Laser: ancora tre prove per gli azzurri

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.