Località di mare Nautica

Cantieri navali a Palermo, Regione e Fincantieri puntano sui traghetti

traghetti palermo

Un futuro di rilancio della cantieristica navale in Sicilia, soprattutto lo sviluppo dello stabilimento di Palermo, dotato di capacità tecniche e operai specializzati che possono fare la differenza nell’ottica di un percorso di crescita, a partire dal settore dei traghetti.

Traghetti, intesa Regione-Fincantieri per i cantieri di Palermo

Sono i punti affrontati in un incontro bilaterale tra il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, e l’amministratore delegato di Fincantieri, Pierroberto Folgiero, svoltosi a margine della cerimonia per il varo della nave militare commissionata dal Qatar.




“L’importanza del cantiere navale di Palermo offre la possibilità di puntare sul comparto costruzione dei traghetti, in cui Fincantieri ha radici profonde. Un settore – afferma l’ad Folgiero – che ha bisogno di essere rilanciato per consentire un rinnovamento delle flotte. Palermo è il migliore cantiere possibile sia per le capacità tecniche del sito sia per le competenze delle maestranze”.

LEGGI ANCHE: Zattera di salvataggio: dove è obbligatoria e quando revisionarla

Soddisfazione per la disponibilità mostrata da Fincantieri viene espressa dal governatore Schifani: “La tradizione della cantieristica navale siciliana è certamente motivo di orgoglio, ma anche di impegno a rilanciare la produzione e accrescere i livelli occupazionali. Sono convinto che i nuovi piani di Fincantieri andranno in questa direzione. Come governo regionale sosterremo ogni azione volta a far crescere l’economia e le eccellenze produttive del nostro territorio”.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Perini Navi: Sanlorenzo-Ferretti partecipano all’asta

Redazione

Partita la RoundItaly, la regata non-stop più lunga del Mediterraneo

Redazione Sport

San Bartolomeo al Mare, OktoBeerFest: due giorni di musica, birra e street food

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.