Viaggi e stili di vita

Costa dei Trabocchi in Abruzzo, un’esperienza indimenticabile

Costa dei Trabocchi in Abruzzo, un'esperienza indimenticabile

Costa dei Trabocchi in Abruzzo, un’esperienza indimenticabile per chiunque sia mai stato in Abruzzo e abbia visto il suo bellissimo litorale, non potrà dimenticare lo splendido panorama dei trabocchi, insoliti giganti che emergono dalle acque.

Le loro origini non sono ancora chiare, ma è certo che la loro presenza rende decisamente molto più suggestivo un paesaggio già di suo a dir poco fantastico.

Siamo lungo la Costa dei Trabocchi, quel tratto di litorale del Medio Adriatico compreso tra Ortona e Vasto che ha ispirato anche Gabriele D’Annunzio.

Nei pressi di San Vito Chietino, lo scrittore acquistò una casetta di pescatori che trasformò nel suo nido d’amore. E proprio i trabocchi, da lui descritti come “ragni colossali”, hanno fatto da sfondo ad almeno parte della storia narrata nel suo capolavoro Il trionfo della morte.

Queste bizzarre costruzioni sono delle macchine da pesca su palafitte, che secondo alcune testimonianze andrebbero accreditate ai Fenici.

In realtà non sappiamo con esattezza a quando risalgono i trabocchi, le fonti sono piuttosto incerte. Qualsiasi siano le loro origini, è certo che stiamo parlando di strutture davvero particolari, che offrono un panorama incredibile. Si stagliano sull’azzurro del mar Adriatico, e suscitano grandi emozioni.

La Costa dei Trabocchi è rigogliosa dal punto di vista della vegetazione: siamo sicuri che rimarrete incantati dalla meraviglia della Lecceta di Torino di Sangro, una riserva protetta a ridosso della foce del fiume Sangro, che si affaccia proprio sul litorale abruzzese.

E che dire della Riserva Naturale di Punta Aderci? Splendide distese verdi che alternano vigneti a campi di grano, magnifici colori e odori che lasceranno un segno indelebile tra i vostri ricordi.

LEGGI ANCHE: Costa dei Trabocchi, 131mila euro per incentivare il turismo attraverso la pesca

L’area si estende sino al promontorio di Punta Aderci, un balcone sul mare che domina la bellissima spiaggia di Punta Penna.

È questo il luogo perfetto se volete concedervi un’esplorazione del territorio su due ruote

È questo il luogo perfetto se volete concedervi un’esplorazione del territorio su due ruote partendo da Francavilla a mare aprirà a breve i battenti la nuova ciclostazione dei trabocchi, dove noleggiare bici da strada, mountain bike o bici elettriche per partire poi alla scoperta dell’affascinante paesaggio della costa abruzzese.

E, perché no, potrete ammirare qualche piccolo paesino delizioso come il borgo medievale di Rocca San Giovanni o la splendida Ortona, la perla dell’Adriatico.

POTREBBE INTERESSARTI: Cinque Terre, i borghi antichi dei pescatori liguri divenuti patrimonio dell’Unesco

Molti trabocchi sono stati restaurati e riportati alla loro bellezza originaria – alcuni di essi ospitano ristoranti dove potrete gustare qualche saporita pietanza locale, nel pieno rispetto delle tradizioni abruzzesi.

Impossibile descriverli tutti: ciascuno di loro ha una storia lunga millenni da raccontare, e solo ammirandone la maestosità è possibile capire appieno quale meraviglia possa suscitare nei visitatori.

Ma la Costa dei Trabocchi ha ancora molte altre bellezze da regalare ai turisti

Le sue spiagge, ad esempio, sono tra le più affascinanti dell’intero litorale dell’Adriatico, e hanno il vantaggio di non essere ancora molto conosciute al turismo di massa.

Luoghi splendidi come la spiaggia di Ripari di Giobbe, oggi considerata area protetta, o come le piccole calette del Golfo di Venere meritano assolutamente di essere (ri)scoperte.

Acque azzurre, sabbia fine e panorami mozzafiato sono garantiti. Se siete alla ricerca di una vacanza a contatto con la natura, poi, avrete solamente l’imbarazzo della scelta.

Leggi anche

Dal tramonto all’alba: le più belle escursioni sulle vette dall’Isola d’Elba all’Alto Adige

Fabio Iacolare

Pasqua 2019, sold out per la Campania

Fabio Iacolare

My Happy Live, l’animazione turistica è più smart anche sotto l’ombrellone

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.