Sport

Vendèe Globe, Charlie Dalin diretto verso l’emisfero sud: Ruyant rallenta

Vendèe Globe, Charlie Dalin diretto verso l'emisfero sud: Ruyant rallenta

Mentre il leader della corsa Charlie Dalin inizia finalmente a sentirsi come se fosse sulla soglia del grande emisfero sud, dove correrà per la prima volta nella sua vita, il suo più vicino rivale Thomas Ruyant ha riportato danni al port foil del suo IMOCA LinkedOut.

Ruyant stava riposando all’interno della sua barca la scorsa notte, verso le 02:00 UTC, quando ha sentito un forte urto.

Charlie Dalin diretto verso l’emisfero sud

Quando è salito sul ponte di LinkedOut ha subito visto che il suo port foil era rotto. Il team manager Marcus Hutchinson ha spiegato oggi su Vendée Live: “Thomas stava dormendo e verso le tre di questa mattina ha sentito uno scoppio che lo ha svegliato e si è precipitato sul ponte e si è reso conto che il suo foil di porto aveva delle grosse crepe.”

Secondo lo staff “Si è reso conto che è intatto, è ancora lì ma ha delle crepe piuttosto brutte. È piuttosto danneggiato e quindi ha rallentato la barca e ci ha contattato subito. Thomas ha avuto giorni piuttosto difficili con alcuni altri piccoli problemi tecnici a bordo. ”

“Si è stancato abbastanza e, come vediamo, è stato un Sud Atlantico straordinariamente difficile per lui e per Charlie Dalin in quella parte distaccata dell’alto di Sant’Elena. E quindi lo stress di stare in piedi e cercare di trovare un modo per superarlo, più qualche altro problema e poi questo. ”




 

 

“Thomas si era messo in uno stato piuttosto stanco. E così quando questo è successo ha rallentato la barca, è andato a letto e si è svegliato questa mattina. E nel frattempo stavamo tutti lavorando su quali saranno i problemi e quali potrebbero essere le soluzioni. E così è riuscito a ritrarre la pellicola. I nostri foil non si ritraggono completamente, si ritraggono di circa 1,2 m nella barca e in questo momento sta navigando alla massima velocità. La sua barca non è affatto compromessa sulle mure a sinistra poiché ha il foil di dritta. ”

POTREBBE INTERESSARTI: Vendée Globe, Alex Thomson rallenta per una riparazione al baglio

Vendèe Globe, Charlie Dalin diretto verso l'emisfero sud: Ruyant rallentaSi dice che Ruyant fosse comunque di buon umore, forse non da ultimo sapendo che lo skipper britannico Alex Thomson è comunque riuscito a finire un secondo molto vicino ad Armel Le Cléac’h dopo aver perso il suo foil di tribordo al Day 13 della gara 2016-17. Ruyant ha più di 286 miglia di margine su Jean Le Cam, terzo classificato (Yes We Cam!), Anche se Thomas Ruyant ha trascorso parte della giornata rallentata.

Dalin si trovava a 38 gradi a sud questo pomeriggio, circa 150 miglia a ovest delle isole vulcaniche di Tristan de Cunha, le isole abitate più remote del mondo. I due leader lo sentiranno notevolmente più fresco ora, anche se hanno ancora altre 150 miglia di luce controvento per arrivare a sud. Sembra sempre più che il loro percorso li porterà fino alla zona di esclusione antartica, la barriera virtuale che devono rimanere a nord per tenerli fuori dal territorio ghiacciato. I leader saranno quindi costretti a strambare lungo questo muro virtuale almeno fino alla longitudine del Capo di Buona Speranza.

Diciannove delle 32 IMOCA che gareggiano in questa nona edizione della corsa in solitaria non-stop intorno al mondo sono ora sotto l’influenza del sistema ad alta pressione di Sant’Elena nel Sud Atlantico. Sembra esserci sempre più una possibilità che alcune delle barche di medio ordine recuperino miglia scegliendo di immergersi più direttamente a sud e catturando il lato ovest dell’alta pressione che si sta muovendo abbastanza rapidamente verso est, o agganciandosi al bordo superiore di una bassa . In ogni caso, quando alcuni giorni fa sembrava doloroso, ora sembra un’opportunità d’oro.

La britannica Sam Davies, un’intelligente stratega meteo a pieno titolo, è stata una delle prime a riconoscerlo e si è tuffata a sud al momento giusto per tirare indietro di circa 100 miglia su Louis Burton (Bureau Vallée 2) e ora guida lo skipper di Saint Malo per sette miglia questa sera. Davies è ora nono ed è stato ancora uno dei più veloci della flotta questo pomeriggio. Stava navigando in vista di Burton ieri e per una parte di oggi.

Così è stato anche il tedesco Boris Herrmann (SeaExplorer-Yacht Club de Monaco), che è quinto, mentre ha filmato Yannick Bestaven (Maître CoQ) a distanza ravvicinata ieri e sono ancora a solo un paio di miglia di distanza questa sera.

Il britannico Alex Thomson avrebbe dovuto stabilizzare le sue perdite sulla flotta dopo aver completato il suo lavoro di riparazione per la maratona nella sezione di prua di HUGO BOSS. Questa sera è ottavo, 646 miglia dietro i leader.

“Alex sta solo terminando un po ‘di riordino. Ha fatto un ottimo lavoro e ora è tornato a concentrarsi sulle corse. Siamo fortunati dove è successo e anche perché abbiamo più pezzi di ricambio di molte squadre. Quindi è un po ‘alto, ha lavorato incredibilmente duramente per completare le riparazioni, è un posto orribile nella barca dove lavorare. ” Ha commentato il direttore tecnico di Alex Thomson Racing.




 

Ospite del programma Vendée Live oggi è stato Antoine Mermod, il presidente di IMOCA – Alla domanda se l’attuale nuova generazione di Vendée Globe è in cima alla curva tecnica e potrebbe essere necessario frenare la spinta costante per una maggiore velocità, Mermod ha detto: “Quando vedi cosa stanno facendo all’America’s Cup, puoi vedere che ci sono molti miglioramenti, forse per il prossimo Vendée Globe, forse no, è quello su cui stiamo lavorando con il comitato tecnico. Ma ci sono sempre modi per migliorare e per fare barche migliori “.

LEGGI ANCHE: Vendée Globe, Dalin ancora in testa nel duello con Ruyant

“Per i foil penso che proveremo a limitare le dimensioni dei foil e stiamo anche lavorando sul costo e sul tempo necessario per costruire i foil. È molto complicato costruire un pezzo del genere e ora abbiamo 19 barche con foil, forse la prossima volta ce ne saranno 25 o 30. Dobbiamo trovare il giusto equilibrio in modo che la maggior parte delle squadre possa costruire questi foil in tempo e anche testarli in tempo per un costo ragionevole. Stiamo lavorando con il comitato tecnico che comprende la maggior parte dei responsabili tecnici dei team, oltre ai progettisti e ai costruttori. Stiamo lavorando ogni settimana per preparare la regola per il Vendée Globe 2024 “. Antoine Mermod, Presidente di IMOCA

Leggi anche

Circolo Velico Sferracavallo: I vincitori della regata nazionale O’pen Skiff

Redazione Sport

Volley Summer Tour: la Saugella Team Monza alza al cielo la 15^ Supercoppa

Fabio Iacolare

Maserati Multi 70 e Soldini partiti per il record Plymouth-La Rochelle

Redazione Sport

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.