Località di mare

Arti e Archeologia: sei artisti “raccontano” il Satiro danzante al Museo del Satiro a Mazara del Vallo

Una performance artistica – tra musica, danza, narrazione e pittura –  per “raccontare” un’opera unica e straordinaria: il Satiro danzante. L’iniziativa promossa dal Parco archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria, in collaborazione con il Comune di Mazara del Vallo, si svolgerà sabato 28 dicembre, dalle ore 20, nel museo dove è custodita l’opera. Una performance itinerante, dal titolo “La danza del satiro suoni, parole, segni per il satiro danzante di Mazara del Vallo”, a cura di Alfio Scuderi, con la partecipazione di 6 artisti: Igor Scalisi Palminteri (pittura), Gianni Gebbia (Sax), Dario Sulis (percussioni), Silvia Ajelli (narrazione), Giovanna Velardi e Federica Aloisio (danza). 

L’iniziativa si inserisce nell’ambito di BAM19-Biennale Arcipelago Mediterraneo, l’azione della scoperta di percorsi inediti che coinvolge il Parco di Selinunte e il Museo del Satiro ad esso collegato, che guarda al Sud del Mediterraneo,  da cui scaturiscono opportunità di dialogo culturale e artistico essenziali. Attorno al Satiro danzante è stato così costruito uno spettacolo fatto d’immagini, musica, danza e parole, in cui i sei artisti performer saranno chiamati a raccontare e interpretare l’opera e i luoghi in cui l’opera “vive”. Il risultato sarà una grande installazione, un percorso unico ed originale in cui i linguaggi del contemporaneo si fonderanno con l’arte classica e con la storia della città di Mazara del Vallo.

“Una condivisione piena con la nuova Direzione del Parco di Selinunte – spiega il sindaco Salvatore Quinci- che ha pensato a questo evento come un percorso inedito per una nuova promozione del Satiro, destinato a ‘far rivivere’ un’opera che rappresenta una delle più importanti evidenze della bellezza classica mediterranea”. In tale occasione l’opera si mostra all’osservatore come elegante esibizione del movimento, in una vorticosa danza che lo presenta come protagonista di una performance, che tra suoni, parole e segni offre al pubblico un revival storico artistico e, al tempo stesso, restituisce alla preziosa opera d’arte l’attenzione di cui si mostra degna. 

Un evento che il Parco pluritematico di Selinunte – sottolinea il suo direttore Arch. Bernardo Agrò – e il comune di Mazara condividono per attivare un percorso inedito di valorizzazione attraverso il connubio delle arti  che parta dalla consapevole conoscenza di un’opera straordinaria e fortemente simbolica come è il Satiro danzante. Le performance degli artisti – spiega Agrò – si fonderanno con l’ opera d’arte esposta e con la sua storia, provando a diventare per una notte un’opera unica, i linguaggi del contemporaneo si mischieranno in unica creazione, in un originale ed inedito percorso dentro lo spazio” 

Leggi anche

Piombino, burocrazia intralcia recupero ecoballe affondate

Fabio Iacolare

Martedì 16 luglio il “Martucci Jazz Ensemble”, diretto dal M° Marco Zurzolo a “Vietri in Scena”

Fabio Iacolare

Dal 4 dicembre al 6 gennaio 2021 Grado si trasforma nell’Isola del Natale

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.