Diporto

Slow travel e nautica, un’accoppiata vincente

Slow travel e nautica, un’accoppiata vincente

Slow travel e nautica, un’accoppiata vincente, avete già sentito parlare del termine “slow travel”? Si tratta di quel momento in cui si fa ritorno alle origini, all’essenziale.

L’attimo nel quale la frenesia della quotidianità si ferma permettendoci di ritrovare la calma ed una grande sensazione di tranquillità.

Ad esempio, al termine di un periodo lavorativo intenso, non avete mai percepito il bisogno di evadere lasciandovi alle spalle pensieri e preoccupazioni?

Oggi, in modo particolare, in un tempo nel quale isolamento e distanziamento sociale sono diventati all’ordine del giorno, disponiamo di una grande, e inusuale, quantità di tempo per noi stessi.

E proprio in accordo con la filosofia della slow life, non possiamo che scorgerne un lato positivo, ovvero l’occasione per rilassarci e scostarci dal superfluo, ritrovando una nuova carica d’energia.

Ma quali sono i benefici dello slow travel e cosa hanno in comune con la nautica?

Ma quali sono i benefici dello slow travel e cosa hanno in comune con la nautica?  Lo scopriamo con la collaborazione di Click&Boat, la compagnia di riferimento per l’organizzazione di incredibili vacanze in barca.

Come applicare lo slow travel alla nautica?

Benessere, equilibrio, e positività. Questi sono i preziosi ingredienti dello slow travel.

Ma non solo.n La capacità di stare bene con sé stessi e ritrovare la pace interiore sono soprattutto le emozioni che pervadono tutti quei viaggiatori che decidono di avvicinarsi al mare e alla navigazione.

Anche a voi è già capitato di aver l’impressione di essere costantemente in movimento, di spostarvi da un luogo all’altro senza più accorgervi di ciò che vi circonda? E magari è accaduto anche durante una vacanza!

Ecco, lo slow travel è tutto l’opposto. La sua filosofia ci invita propriamente a rallentare, per ritrovare il valore dei momenti importanti e viverli in modo più consapevole e intenso.

Cambia la prospettiva, cambiano gli obiettivi, ed improvvisamente, quello che conta, non è tanto la meta quanto il percorso stesso. Proprio come durante un viaggio in barca!

Immaginate semplicemente la bellezza di una traversata in barca a vela, durante la quale la cosa più spettacolare è proprio il fascino della navigazione stessa.

Il risveglio in una baia circondata dalla natura, la brezza che gonfia le vele facendo scivolare la barca lungo litorali mozzafiato, e la possibilità di osservare i panorami da una prospettiva unica ed autentica.

Verranno meno le comodità di casa e lo spazio, questo è vero. Ma una volta lasciato a casa l’orologio, ritroverete il piacere della spontaneità e di esperienze genuine.

Scegliere il turismo lento, per sé stessi e per l’ambiente

Allora, cosa ne dite di rallentare quel tanto che basta per viaggiare secondo il vostro ritmo personale?
Da un weekend in barca a vela alle camminate in montagna, ideali per sciogliere lo stress della settimana e respirare a pieni polmoni, passando per i viaggi in treno alla scoperta di alcune delle città più affascinanti d’Italia.

E ancora percorsi cicloturistici e passeggiate a cavallo. Le opzioni sono davvero tantissime, senza contare il loro pregio più importante: l’aspetto ecologico.

Ulteriore obiettivo dello slow turism, o turismo lento, è infatti quello del dare respiro alle destinazioni più gettonate e, talvolta, danneggiate dal turismo di massa, riconoscendo il valore di patrimoni e tratti di territorio situati al di fuori delle rotte più comuni.

Pensate all’emozione nello scoprire un antico borgo isolato, entrando in contatto con le tradizioni locali ed i racconti del passato. È proprio qui, che si trova la vera bellezza!

Avendo poi la fortuna di vivere in un paese che straborda di preziosi tesori paesaggistici, storici ed artistici raggiungibili a chilometro zero, cosa ne dite di provare lo slow travel, unendo il sostegno delle economie locali al vostro benessere personale?

Leggi anche

Pronto al via il VII Trofeo Principato di Monaco – le Vele d’Epoca in Laguna

Fabio Iacolare

Genova, arrivano i primi pazienti sulla nave ospedale Gnv Splendid ormeggiata a ponte Colombo

Fabio Iacolare

La nave goletta (barco bestia) Daino

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.