Nautica Sport

Kirsten Neuschäfer è la prima donna a vincere la Golden Globe Race

Kirsten Neuschäfer golden Globe

Tagliando il traguardo a Les Sables d’Olonne alle 21:43:37 di ieri sera, la velista sudafricana Kirsten Neuschäfer ha compiuto una delle più grandi imprese nelle regate oceaniche divenendo la prima donna a vincere la Golden Globe Race.

La velista originaria di Port Elizabeth ha vinto dopo 235 giorni, 5 ore, 44 minuti e 4 secondi di gara privi di alcun aiuto o supporto tecnologico.

La Golden Globe Race di Kirsten Neuschäfer

All’età di 40 anni, la sudafricana Kirsten Neuschäfer ha compiuto un viaggio lungo otto mesi, sola di fronte alle intemperie, senza contatto, raccogliendo l’acqua piovana per sopravvivere. La sua impresa è stata arricchita anche da un salvataggio nel corso del tour mondiale. Nel cuore dell’Oceano Indiano, ha aiutato il velista finlandese Tapio Lehtinen. Kirsten lo ha accolto sulla sua barca prima che fosse trasferito su una nave da carico per poi continuare il suo viaggio.




Kirsten Neuschäfer golden Globe 2




La performance di Kirsten è tanto senza precedenti quanto impressionante. Prima donna a doppiare Capo Horn in una gara lo scorso febbraio, è diventata anche la prima a vincere una gara intorno al mondo. Molti nel mondo delle regate oceaniche si stanno congratulando con la velista. Parole di elogio anche da parte di Catherine Chabaud, prima donna a completare il Vendée Globe nel 1996-97: “Quello che ha ottenuto è incredibile. C’è qualcosa di straordinario nell’aria”.

“Sono molto felice di vedere tutte le persone e questa atmosfera straordinaria”, ha detto Kirsten Neuschäfer nell’emozione. “Di tutta la mia avventura, penso che l’arrivo qui con la folla, l’entusiasmo, sia stato il più memorabile. La mia barca è stata la mia compagna. Ho parlato con lei molto. Mi sono anche arrabbiata con lei, ma le voglio molto bene. È una barca veloce, elegante, su cui ho lavorato molto per un anno. Avevo voglia di vincere appena mi sono iscritta alla regata e ho fatto tutti i miei preparativi di conseguenza. Volevo vincere, non come donna. Non volevo essere in una categoria separata ma competere ad armi pari con tutti gli skipper. Non pensavo al futuro a lungo termine ma di più su ciò che volevo fare nel prossimo futuro. Voglio fare lunghe escursioni nella natura selvaggia con il mio cane per alcuni mesi”.

LEGGI ANCHE: Varato il Wally101 Full Custom: marchio al debutto al Boat Show di Palma

Yannick Moreau, sindaco di Les Sables d’Olonne, ha poi aggiunto “Questa Golden Globe Race ci offre uno scenario superbo e una conclusione degna delle più belle epopee. L’unica donna all’inizio dell’evento sportivo più lungo del mondo ha vinto ed è diventata una leggenda. È davvero un momento storico quello che abbiamo appena vissuto a Les Sables d’Olonne. Con la sua impresa sportiva, il suo coraggio, il suo eroismo. Kirsten è diventata un modello e un riferimento mondiale. A Les Sables d’Olonne siamo felici e orgogliosi di veder nascere la sua leggenda”.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Furuno presenta FCV-38, il nuovo ecoscandaglio professionale

Fabio Iacolare

Fincantieri riapre con i progetti di dottorato di ricerca in ambito navale

Fabio Iacolare

Pedote 16mo alla Route du Rhum, finale al cardiopalma nei Class 40

Claudio Soffici

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.