Diporto

Le opere di Roberta Verteramo in mostra su uno yatch al Cannes Yachting Festival 2019

In occasione di Cannes Yachting Festival, Roberta Verteramo presenta alcuni lavori che coniugano arte e design, esplorando il potere evocativo della materia. Un dialogo consolidato quello tra l’artista e il mondo del mare e della navigazione che, a partire da una passione personale, l’ha portata a creare oggetti e opere d’arte che sono diventati parte integrante delle barche proposte dai più grandi cantieri internazionali.

Le sue opere travalicano la rigida tassonomia estetica che separa le arti visive dalle arti applicate e, grazie alla loro forza espressiva, articolano una grammatica visiva che diventa narrazione: storie, suggestioni, emozioni vengono rivelate attraverso il profilo di oggetti che si fanno simbolo e danno quindi inizio ad una storia originale tutta da scoprire. Emozioni liquide si traducono in materia attraverso sovrapposizioni cromatiche dense di contenuti che la resina assorbe e modula.

La luce si poggia sulle superfici lucide, e poi opache, che caratterizzano l’autonomia linguistica di un’artista che si muove con disinvoltura tra arte e design. I suoi Jewel Paintings travalicano la bidimensionalità dell’opera pittorica per farsi racconto verticale nelle tre dimensioni custodite dalla resina: tasselli preziosi di una storia composita che oggi arricchiscono il perimetro domestico dei più eleganti yacht del mondo. La produzione artistica di Verteramo esplora anche la scultura con la serie Alchemic Jewel: piccole installazioni forgiate nel bronzo e arricchite da elementi in resina. Lavorate con autorevole leggiadria, esplorano il fitto dialogo tra la materia levigata e la cruda forza espressiva del metallo.

L’esperienza alchemica con la materia riconduce ad una ancestrale volontà di esplorazione dell’aspetto sacrale e sensuale dei materiali, che ritroviamo anche nelle proposte ad hoc sviluppate in collaborazione con aziende e gallerie di design. Èil caso di Rhizoma, tavolino presentato a Londra durante Masterpiece; una scultura capovolta in cui la resina del piano d’appoggio lascia trasparire la presenza del bronzo della base, rivelando un volume quasi primordiale, custode di un’esperienza visiva e tattile. Lo specchio Selene, proposto anche al PAD Paris Art+Design, diventa un luogo privilegiato di osservazione integrato con la Natura e al tempo stesso punto di partenza per nuove visioni: il metallo traforato che circonda la superficie specchiante ripropone l’azione erosiva del mare, influenzato dalla Luna.

Roberta Verteramo sarà presente con i suoi lavori al 59° Salone Nautico di Genova (19-24 settembre 2019) presso lo stand della casa editrice Nautica di Roma e al Monaco Yacht Shownel Principato di Monaco (25-28 settembre 2019), su uno degli yacht presentati dai cantieri Sanlorenzo.

La forza della produzione artistica di Roberta Verteramo risiede nella grande padronanza sulla materia, esperienza maturata negli anni di lavoro come restauratrice tra arte contemporanea e design. Dopo il diploma all’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino e un periodo all’Universitat Politècnica de València, Roberta Verteramo è prima restauratrice del Design in Italia e fonda il Laboratorio del Museo de La Triennale a Milano, collaborando con importanti artisti e designer internazionali. Parallelamente sviluppa una sua poetica autonoma che, a partire dal 2016, si esprime con energia nel settore del design con lavori che, pur tratteggiando una sua originale vocazione artistica, riescono a dialogare con successo con le esigenze attuali del mercato. Oggi vive tra Torino e Londra e le sue opere, presenti in importanti collezioni d’arte in tutto il mondo, sono esposte alla 88gallery London e nelle principali fiere internazionali di design, quali Design Miami / Basel, PAD London e Paris, Masterpiece, Decorex London e TEFAF Maastricht. I suoi progetti sono stati selezionati da alcuni dei più importanti brand tra cui Visionnaire Home, Sanlorenzo Yacht, Minottie Salvioni

.

Leggi anche

Alto gradimento per il Sotto Gamba Game a Riva degli Etruschi

Redazione

Isa Yachts GT 45 metri, il primo dei due nuovi modelli in fase d’allestimento

Davide Gambardella

Ferretti 780, venduto dal cantiere il ventunesimo esemplare del flybridge

Claudio Soffici

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.