Nautica

Il Waterfront del Porto di Palermo si rifà il look, ecco cosa cambia

Il Waterfront del Porto di Palermo si rifà il look, ecco cosa cambia

Affidati i lavori per la demolizione di alcuni immobili con l’obiettivo di riconfigurare integralmente il waterfront del Porto di Palermo.

L’Autorità di Sistema Portuale del mare di Sicilia Occidentale ha affidato i lavori per la demolizione di sette immobili che ostacolano la vista del mare ad esclusione delle palazzine che ospitano la Capitaneria di Porto e l’Agenzia delle Dogane, in corrispondenza del Varco Sammuzzo.

Gli immobili sono “totalmente privi di valore storico e/o architettonico – si legge nel bando -, costruiti nell’ultimo quarantennio in modo disordinato senza seguire alcuna specifica tipologia costruttiva e con destinazione d’uso diversa da quella (impropria) alla quale sono oggi adibiti”.

Ad aggiudicarsi la gara è stata la “Patriarca Group srl” di Comiso che ha offerto un ribasso del 38,789% su una base d’asta di 674.610 euro, oltre a 9.387 euro per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso.

Waterfront Porto di Palermo, i lavori dovranno concludersi in 120 giorni

I lavori dovranno concludersi in 120 giorni dalla data di consegna con la pavimentazione dell’area, con il nuovo appalto saranno demoliti l’ex sala pompe, il magazzino frigo, il locale ormeggiatori, gli uffici GNV, il deposito bagagli”, l’ex “bar del porto” e il basamento del capannone “Atlantica” per una superficie complessiva stimata di 2.673 metri quadrati.

Le demolizioni rientrano nel più ampio progetto di recupero del water front che si baserà sui risultati del concorso internazionale di idee bandito nel 2018 dall’Autorità di Sistema Portuale del mare di Sicilia Occidentale per potenziare il porto di Palermo e aggiudicato al raggruppamento guidato dalla società Valle 3.0 di Roma, del quale fanno parte E.T.S. spa Engineering and Technical Service, De Biasio Progetti e Hipro.

LEGGI ANCHE: Palermo, Iter più lungo per la concessione di stabilimenti balneari temporanei

Il bando prevedeva la progettazione di due nuovi terminal, uno crocieristico e l’altro Ro-Ro, e di un edificio che funzioni da interfaccia tra la città e il porto.

Leggi anche

Area Marina Protetta delle Cinque Terre, polemiche per attività di noleggio

Fabio Iacolare

ECSA, ad Opatija, in Croazia la Conferenza ad Alto Livello dei Ministri dei Trasporti Europei

Fabio Iacolare

Confitarma partecipa al tavolo per la ripresa delle crociere

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.