Diporto

La collezione di Azimut Yachts 72 Flybridge si amplia di nuovi dettagli

La collezione di Azimut Yachts 72 Flybridge si amplia di nuovi dettagli

Come una bella donna cui un cambio d’abito conferisce ancora più seduzione, Azimut Yachts 72 Flybridge si amplia di un nuovo interior design ispirato alla Gesamtkunstwerk (in tedesco opera d’arte totale), una filosofia progettuale nata nell’Ottocento il cui obiettivo è la perfetta sintesi di più espressioni artistiche.

La collezione di Azimut Yachts che offre la più ampia gamma al mondo con modelli dai 42 agli 88 piedi, in cui vivere un’esperienza unica di vento e luce avvolti nel comfort dei più preziosi materiali italiani, ambienti accoglienti per una vera esperienza di benessere.

Azimut Yachts 72 Flybridge, la natura degli interni è la fonte di ispirazione

In questo caso la natura, con le sue forme organiche, è la fonte di ispirazione, mentre tutte le linee sono morbide e le sagome stondate, a ricordare la plasticità del mare e delle onde, mentre i legni sono materici e naturali.

Dall’organizzazione degli spazi ai più piccoli dettagli, tutto parla la medesima lingua in un rimando continuo e coerente di linee e colori.

Gli interceptor automatici Humphree offrono all’imbarcazione la spinta necessaria per entrare in planata o per raggiungere il trim ottimale in navigazione. In questo modo la resistenza dello scafo è automaticamente ottimizzata per ogni velocità e condizione di carico.

Questo risulta in un incremento della velocità e in un minore consumo di carburante. Il sistema Humphree è alimentato elettricamente ( 12-24V). Grazie al design dell’interceptor, il sistema necessita solamente di poca potenza per lo spostamento verticale della lama, anche in caso di movimentazione ad alta velocità.

Anche gli esterni si rinnovano grazie al nuovo design delle finestrature laterali, che rinunciano alla pinna preesistente per aumentare ancora di più il contatto visivo con il mare e proseguire il gioco dell’armonia e della continuità.

LEGGI ANCHE: Azimut Benetti, continuare a promuovere il Made in Italy nel mondo

Il sistema di controllo integrato Raymarine è stato personalizzato aumentando il potenziale di controllo: dai dati motore agli allarmi, alle pompe di scarico dell’acqua di sentina, ai livelli di serbatoio, alla ventilazione della stanza motore fino al sistema di suono e alle unità di aria condizionata e si può avere accesso al sistema sia da entrambe le timonerie sia in remoto da un tablet.

Leggi anche

Svelati i dettagli degli interni del nuovo ISA GT 45m

Fabio Iacolare

TecnoRib, varati i primi due esemplari di gommoni Pirelli 42

Fabio Iacolare

Portovenere, conclusa “Vele d’Epoca nel Golfo 2019”

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.