Nautica Sport

Kevin Escoffier sano e salvo: qui i dettagli del salvataggio dopo il naufragio

Kevin Escoffier a terra sano e salvo, ecco i dettagli del salvataggio

Kevin Escoffier a terra sano e salvo, ecco i dettagli del salvataggio: si è unito alla sua squadra a terra alle 8:00 di questa mattina e ha raccontato la storia dei suoi terribili danni e del suo eccezionale salvataggio effettuato da Jean Le Cam questa notte nel sud-ovest del Capo di Buona Speranza.

Kevin Escoffier, ecco i dettagli del salvataggio

“È surreale quello che è successo. La barca si è ritirata su se stessa con un’onda di 27 nodi. Ho sentito uno schiocco ma sinceramente non aveva bisogno del rumore per capire. Ho guardato la prua, era a 90 °. In pochi secondi c’era acqua ovunque. La poppa della barca era sott’acqua e la prua puntava verso il cielo. La barca si è rotta a metà davanti alla paratia dell’albero. Si è ritirato. Ti assicuro, non esagero nulla … c’era un angolo di 90 ° tra la parte posteriore e la parte anteriore della barca. “

POTREBBE INTERESSARTI: Vendée Globe, Jean Le Cam recupera Kevin Escoffier sano e salvo

“Non ho avuto tempo per fare niente. Ho appena potuto inviare un messaggio alla mia squadra “Sto affondando. Questo non è uno scherzo. MayDay “. 

“Dal momento in cui ero in coperta a sistemare le vele e dal momento in cui mi sono ritrovato sulla zattera di salvataggio, non sono passati nemmeno due minuti. È stato estremamente veloce.”




“Sono sceso dalla barca, ho indossato il GST (tuta di sopravvivenza) come meglio potevo. Ho visto il fumo, l’elettronica bruciare. Tutto era spento. L’unico riflesso che ho avuto è stato quello di afferrare il telefono per inviare questo messaggio e prendere la GST che non ho mai remato. Volevo prendere il grab bag (borsa di sopravvivenza) ma non ci sono riuscito perché l’acqua stava salendo.”

“Ho preso il pettorale (zattera di salvataggio) sul retro. Il pettorale anteriore non era accessibile, era già tre metri sotto l’acqua. L’acqua era nel pozzetto fino alla porta. “

“Mi sarebbe piaciuto restare ancora un po ‘a bordo ma ho visto che tutto andava molto velocemente e poi ho preso un’onda e sono entrato in acqua con la zattera. “

“In quel momento non ero per niente rassicurato… Sei su una zattera con 35 nodi di vento. No, non è rassicurante. Sono stato rassicurato solo quando ho visto Jean. Ma il problema era come salire a bordo con lui. “



Kevin Escoffier a terra sano e salvo, ecco i dettagli del salvataggio“Ci siamo detti 2-3 parole. Era in balìa delle onde. È stato costretto ad allontanarsi un po ‘poi dopo, ho visto che si trovava in zona. Sono rimasto nella zattera fino alle prime ore del mattino. “

“Non sapevo se il tempo si sarebbe rilassato abbastanza da permettere una manovra. Era a 2 metri da me, mi ha mandato gli avannotti con la cravatta ma è stato difficile fermare la barca. Alla fine sono riuscito a prendere un tubo, una barra per salire a bordo. C’era ancora il mare ondoso, a circa 3,50 metri. È una prova in queste condizioni salire a bordo di un 60 ‘, tanto più quando si è vincolati nei movimenti dal TPS. Sinceramente fortunatamente sono in buona forma fisica perché ti assicuro che non è facile. “



“Quando mi sono ritrovato a bordo con Jean, ci siamo abbracciati. Mi ha detto “Dannazione, sei a bordo! Faceva caldo ! “. E gli ho detto “Ti fotterò la tua gara, stavi facendo una grande gara”. Ha risposto: “Va bene, l’ultima volta che sono stato io a mettere a terra la gara di Vincent”. “

LEGGI ANCHE: Vendée Globe, Jean Le Cam si precipita a salvare Kevin Escoffier (PRB)

“Per ora, non ho idea di cosa fare dopo. Vedremo con la direzione gara. Lì ho dormito bene per 2 ore, riposato, ho mangiato. Ho fatto tutto il possibile per la barca. L’avevo rafforzato, ho fatto tutto, non ho rimpianti per quello che ho fatto. ” 



 

Leggi anche

1ª Italia Cup Laser 2020, a Napoli torna la grande vela

Fabio Iacolare

In Sardegna e Corsica charter nautico “green” per scoprire le aree marine

Fabio Iacolare

Lo Yacht Club Italiano devolve l’incasso della Millevele 2020 al Gaslini di Genova

Davide Gambardella

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.