Nautica Sport

RAN 630, TestaCuore Race vincitore assoluto

RAN 630

La quinta edizione della RAN 630 – Regata dell’Accademia Navale, si è conclusa ieri con una premiazione sobria presso lo Yacht Club Livorno: nessuno aveva desiderio di festeggiare, quando il giorno prima era mancato nelle acque labroniche un regatante della classe ILCA.

RAN 630: “Momento di commozione per la scomparsa di Massimo”

Queste le parole pronunciate dal presidente dello YCL, Gian Luca Conti: “La conclusione della Regata dell’Accademia è un momento in cui riflettere con molta commozione sul lutto che ci ha colpito e che, in particolare, ha colpito la famiglia di Massimo Patelli”.




“Possiamo solo essere vicini a chi lo ama e pensare che, in fondo, anche queste tristi casualità fanno parte della vita e ciascuno di noi conosce le ragioni che portano a partecipare a una regata, a provare ancora una volta tutte le emozioni che il mare può dare. Speriamo che il mare possa accogliere Massimo e ci piace ricordare che esattamente in quel tratto, di fronte all’Accademia Navale, riposano anche le ceneri di Valentin Mankin che è stato per la nostra disciplina un indimenticato maestro e campione”.

Testacuore dominatore assoluto, Ultravox primo Double Handed

Dominatore assoluto della regata è stato il Cookson 50 TestaCuore Race di Riccardo Cicciriello, portacolori dello Yacht Club Capri a cui sono andati: il Premio Challenge perpetuo Pierre Hamon per il primo in tempo reale, il Premio Challenge perpetuo Accademia Navale per il primo nella classe più numerosa (ORC), il Trofeo One Ocean messo in palio dallo Yacht Club Costa Smeralda per il primo in classe ORC alla boa di Porto Cervo, il Premio “dell’amante inglese” messo in palio dallo Yacht Club Capri per il primo in tempo reale alla boa di Capri.




Ultravox, X-Yachts 332 di Leonardo Fonti, si è aggiudicato la vittoria in Double Handed assieme al co-skipper Filippo Buti. L’impresa marinaresca è stata completata anche dalla vittoria in classe IRC, il secondo posto assoluto in ORC e la vittoria in ORC – B.

Il podio in classe IRC

In classe IRC il podio è stato completato da due Grand Soleil 40: Blues di Antonio Maglione e Lorenzo Villi (nell’edizione 2021 erano stati vincitori assoluti e in Double Handed) e Renoir di Mario Pellegrini, chi si è aggiudicato anche il terzo gradino podio in classe ORC e la vittoria in classe Gran Crociera.




Trofeo Medaglia d’Oro al Valor Militare Capitano di Corvetta Saverio Marotta, assegnato alle imbarcazioni che partecipano in rappresentanza di un corpo militare è andato a Gemini, splendido Prima classe IOR del 1983 progettato da Vallicelli appartenente alla Marina Militare.

La RAN 630 e il campionato offshore

La RAN 630 – Regata dell’Accademia Navale, è parte del Campionato Italiano Offshore dell’Unione Italiana Vela d’Altura (UVAI) con coefficiente 3. Tutti i partecipanti hanno manifestato il desiderio di tornare nel 2023 per la sesta edizione della RAN 630. Per coloro che fossero interessati, il tracking per ripercorrere la regata è disponibile sulla App Trac Trac.

LEGGI ANCHE: Regata delle Vele d’Epoca, conclusa la prima tappa a Livorno

La manifestazione beneficia del supporto del main sponsor Officine Gullo – Firenze, degli sponsor BF SpA con il suo brand Le Stagioni d’Italia, Acqua San Carlo, GeoSails e dei partner tecnici Ubi Maior, Trac Trac, Wodka. Fin dalla prima edizione, la RAN 630 aderisce ai principi etici per la tutela del mare promossi dalla Charta Smeralda di One Ocean Foundation, Sustainability partner della regata.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Ferretti Group, 2018 conferma crescita: +7,5% rispetto all’anno precedente

Fabio Iacolare

Memorial Paolo d’Aloja: Italia in evidenza nella prima giornata di finali

Redazione Sport

Toscana, sfruttare potenziale dei territori costieri per rafforzare il mercato del lavoro

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.