Nautica Sport

Regata delle Vele d’Epoca, conclusa la prima tappa a Livorno

regata delle vele d'epoca

Una sola la prova che si è disputata nella prima tappa del circuito 2022 della “Regata delle Vele d’Epoca”, manifestazione dedicata agli yachts che hanno fatto la storia della vela. Le undici barche iscritte erano ospitate presso il Marina Cala de’ Medici di Rosignano Marittimo nell’ambito della quinta edizione della Settimana Velica Internazionale Accademia Navale Città di Livorno.

I vincitori della Regata delle Vele d’Epoca

Dopo la regata di sabato 30 aprile, svoltasi su un percorso a bastone lungo 9 miglia, con venti dal primo quadrante fino a 10 nodi di intensità, sole e mare piatto,  è lo yacht Margaret, lungo 8 Metri S.I. (Stazza Internazionale) in legno varato in Norvegia nel 1926, a trionfare nella categoria ‘Epoca’. Preceduto, sul podio,  Ilda del 1946 e Barbara del 1923. Ojalà II, uno Sparkman & Stephens costruito in alluminio nel 1973 dal cantiere olandese Royal Huisman, si è invece imposta nella categoria “Classiche”. A seguire Grifone (1963), Kerkyra II (ex Ardi, 1968), Onfale (1962), Artica II (1956) e Chaplin (1974). Nel raggruppamento “Vele Storiche” si sono classificate, nell’ordine, Ojalà IIGrifone e Gioconda (1973).

Assegnato a Ojalà II anche un premio speciale per il maggior numero di partecipazioni alla Settimana Velica, donato dal Gruppo ANMI (Associazione Nazionale Marinai d’Italia) di Livorno e consistente in un acquerello raffigurante lo yawl Stella Polare della Marina Militare realizzato dal Pittore di Marina milanese Sandro Feruglio. La prevista seconda prova, prevista per domenica 1 maggio, è stata annullata in segno di lutto per il tragico incidente avvenuto in mare il giorno prima a un regatante 51enne di Cattolica della Classe Laser, che partecipava alle regate livornesi. Domenica mattina, di fronte al brigantino interrato presso lo storico piazzale dell’Accademia Navale di Livorno, si è svolta la cerimonia di premiazione.




E’ stato un vero e proprio testa a testa quello che si è disputato tra i 5.50 Metri S.I. (Stazza Internazionale) Twins X del 1960 e Grifone del 1963 della Marina Militare, l’ex imbarcazione Campione del Mondo a Napoli nel 1965 sulla quale in passato ha regatato anche l’Ammiraglio ed eroe della vela Agostino Straulino. Twins X, varata nel 1960 dal cantiere ginevrino Corsier Port su progetto dello svizzero Henri Copponex, è stata donata recentemente dall’imprenditore Roberto Brioschi all’AVEV (Associazione Vele d’Epoca Verbano), che la impiega per regatare col guidone del CVMV (Circolo Velico Medio Verbano). A bordo lo skipper Mauro Patruno e tre giovanissimi laghèe, coordinati dal Commodoro AVEV Alessandro Corti: Federico DeghiMarco Corti e Luca Lavazza, quest’ultimo dell’omonima famiglia di restauratori navali di Brebbia, sul Lago Maggiore, che esattamente 10 anni fa ha ristrutturato la barca. Grifone, condotto da Michele RennaOnofrio PositanoGiuseppe Merola e Angelo Garofalo, ha avuto la meglio su Twins X fin dall’inizio della regata ed è stata premiata anche come prima imbarcazione militare al traguardo.

LEGGI ANCHE: 120 Cup a Mondello, i vincitori del Trofeo Figlia di Granara

La “Regata delle Vele d’Epoca” è stato un evento organizzato dalla Marina Militare in collaborazione con la Sezione di Livorno della Lega Navale Italiana, presieduta dal Consigliere Nazionale LNI Fabrizio Monacci, dallo Yacht Club Cala de’ Medici capitanato dal Presidente “in pectore” Ammiraglio Stefano Porciani, con il coinvolgimento dell’Associazione Vele Storiche Viareggio e dell’AIVE (Associazione Italiana Vele d’Epoca). Tra gli sponsor e i sostenitori della Settimana Velica Internazionale Neri, Benetti, Drass, Marina Cala de’ Medici, Sitep Italia, Leonardo, BNL e Nautor’s Swan.

Leggi anche

Swan Sardinia Challenge, l’arrivo dei 34 equipaggi: ecco le classifiche finali

Redazione Sport

Primo Summit Blue Forum Italia Network: “La Rete istituzionale del mare”

Redazione

Campionati Europei, oro per Tita-Banti nei Nacra 17

Claudio Soffici

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.