Nautica Sport

Vendée Globe, il Grande Sud mostra i denti

Vendée Globe Grande Sud

La britannica Pip Hare dovrebbe attraversare la longitudine del Capo di Buona Speranza domani presto, il suo primo dei tre Grandi Promontori del Vendée Globe: il Grande Sud ora è la vera sfida.

Situata al 20° posto, insegue duramente il rivale spagnolo Didac Costa, a sole 12 miglia dal pompiere di Barcellona che è alla sua terza gara intorno al mondo in cinque anni, tutti a bordo del suo One Planet – One Ocean che ha iniziato la vita come Ellen MacArthur’s Kingfisher oltre 20 anni fa.




Ticchettare il suo primo Great Cape sarà un momento significativo per la 45enne Hare, che ha sede a Poole, in Inghilterra e la cui IMOCA è di annata identica a quella dell’amica e rivale di Costa. Her’s è stato costruito come Superbigou dallo skipper svizzero Bernard Stamm e dai suoi amici in un capannone a Lesconcil, in Bretagna, e varato l’11 febbraio 2000, mentre il MacArthur’s Kingfisher è stato varato nella stessa quindicina di giorni dall’altra parte del mondo in Nuova Zelanda.

Proprio come le due IMOCA sono rivali per tutta la vita – anche se Stamm ha dovuto abbandonare il Vendée Globe 2000-2001 su cui il 24enne MacArthur era in testa e ha continuato a finire secondo – così Hare e Costa in precedenza hanno gareggiato con Mini 650 l’uno contro l’altro e hanno finito entro 40 minuti l’uno dell’altro l’ultima volta che hanno fatto il MiniTransat.

Costa ha colpito qualcosa: “Forse una balena”

Costa, che è arrivato 14° all’ultimo Vendée Globe, ha riferito la scorsa notte di aver colpito qualcosa che credeva essere una balena sebbene non ci fossero danni al mammifero né alla sua barca. Oltre a informare gli altri concorrenti tramite Race HQ, si è anche assicurato che Hare – che sta navigando sulla sua scia – fosse a conoscenza.




“Didac mi ha inviato un messaggio ieri per farmi sapere che aveva colpito qualcosa. È davvero bello averlo lì. Ci sentiamo. È fantastico per me averlo qui come ritmo, ma non ho intenzione di lasciarlo andare. Questo è certo. Penso che Kingfisher (ora One Planet-One Ocean di Didac) sia una barca più veloce e certamente con la brezza più grande sto spingendo al massimo per tenere il passo. Il problema più grande è che con la brezza moderata questa barca è ancora abbastanza stretta nel raggio. Semplicemente non ha potere e momento di raddrizzamento. Faccio davvero fatica a raggiungere un raggio moderato. Non riesco a trattenerlo. Devo lavorare molto duramente con la brezza leggera e forte. Devo mettere giù il martello per stargli dietro di sicuro” ha detto Hare al Vendée Globe Live di oggi in cui si è parlato di Grande sud.

Dopo aver sopportato una settimana dolorosa nell’Oceano Indiano combattendo per mantenere se stessi, le loro barche e le loro attrezzature intatte in mari grandi e mossi e venti molto rafficati fino a 35-40 nodi, i leader della regata Charlie Dalin (Apivia) e Thomas Ruyant (LinkedOut) stanno finalmente trovando un percorso veloce verso est sulla parete principale di un sistema a bassa pressione in rapido movimento.

LEGGI ANCHE: Pedote torna in nona posizione: cambio di fronte al Vendée Globe

Con acqua piatta e forti venti da nord-ovest sono in condizioni ideali, come ha detto stamattina Seb Josse, consulente meteo Vendée Globe e tre volte pilota Vendée Globe, che potrebbe vedere il record mondiale di 24 ore di Alex Thomson di 536 miglia – stabilito nell’ultima gara – caduta. Se possono continuare a tenere il passo con il fronte che si muove a circa 25 nodi verso est, potrebbero quindi prendere un flusso di vento moderato da un’alta pressione a Cape Leeuwin per completare una sequenza da sogno che potrebbe aprire loro un enorme vantaggio sui loro inseguitori. E hanno effettivamente mantenuto medie alte dalla scorsa notte, più di 20 nodi e quindi questo significa spesso surfare a 28-30 nodi. Ruyant è stato in strambata a sinistra e quindi non ha mancato il foil ha dovuto tagliare via.




“Il tempo è quasi soleggiato, è piuttosto una buona giornata” ha commentato un relativamente rilassato Charlie Dalin durante il Vendée Live di questo pomeriggio. Ma 600 miglia indietro nelle infuocate profondità del sistema di bassa pressione è molto ventoso con grandi mari, molto più simile alla visione dantesca dell’Oceano Antartico.

Vendée Globe, il Grande Sud e le raffiche di vento

“Abbiamo 45 nodi e pioggia orizzontale” ha riferito in un video il quarto classificato Damien Seguin. “Non ho mai visto un mare come questo, è mosso, è molto difficile andare in avanti, prende la barca, la barca accelera in avanti salendo a 29 nodi ma se sei troppo lento le onde raggiungeranno ed esploderanno lo specchio di poppa, è orribile”, conferma Maxime Sorel (11°), questa mattina al telefono.

Le nove barche che navigavano a Dalin e nella scia di Ruyant sono state superate dalla parte anteriore che aveva 50 nodi in raffiche di vento.

Con enormi mari confusi, le regate sono sospese e l’autoconservazione diventa la sfida più importante. Damien Seguin, che era al quarto posto, ha segnalato un guasto del suo pilota automatico principale. Il suo supporto ha funzionato a intermittenza e il marinaio che è il primo velista handisport ad affrontare il Vendée Globe sta cercando una soluzione con la sua squadra. “Il grande Sud è una gara di resistenza che ti logora lentamente” riassume Josse.



Leggi anche

Tre turisti alla deriva in barca a vela a Caprera: prima salvati e poi multati

Claudio Soffici

IX Trofeo Principato di Monaco: sfida fra Regine del mare a San Marco

Redazione Sport

FIART Mare espande la propria rete vendita con nuovi dealer

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.