Nautica

Marittimi, sindacati: “Agire subito a difesa dei lavoratori”

Marittimi, sindacati: “agire subito a difesa dei lavoratori”

“L’emergenza coronavirus, a causa dello stop ai collegamenti internazionali per i passeggeri, sta obbligando i marittimi a periodi di imbarco più lunghi che li stanno mettendo a dura prova, sia fisica che mentale, considerando la lunga lontananza dalle proprie famiglie. Il Governo e gli armatori non possono ignorare questa situazione e devono agire subito a difesa dei lavoratori”: così hanno dichiarato i segretari generali di Filt-Cgil Fit-Cisl, Uiltrasporti, Stefano Malorgio, Salvatore Pellecchia, Claudio Tarlazzi.

“Durante il lockdown il trasporto marittimo è stato determinante per garantire l’approvvigionamento di medicine, cibo e altri beni di prima necessità, visto che l’85% delle merci viaggia via mare” dicono all’unisono.

“I marittimi hanno dato il massimo in condizioni difficili”

“I marittimi hanno dato e stanno continuando a dare il massimo in condizioni difficili. Ora pero’ – chiedono i tre segretari generali – bisogna occuparsi di loro e dei propri diritti. A bordo delle navi sono circa 200 mila i marittimi bloccati che aspettano di essere sostituiti con altri marittimi in attesa di imbarco. Inoltre a bordo va rafforzato il monitoraggio delle condizioni di salute sia in generale che in relazione al Covid-19. Infine riteniamo che si debba riavviare al più presto il confronto sul rinnovo del contratto nazionale di settore, le cui trattative sono giunte ad uno snodo importante ed apprezzato dalle controparti”.

LEGGI ANCHE: Federagenti, Venezia laboratorio nazionale ma dallo Stato solo promesse

“Tutte queste criticità – avvisano Malorgio, Pellecchia e Tarlazzi – se non risolte rapidamente, porteranno tutto il settore a un punto di rottura. Come organizzazioni sindacali confederali vorremmo evitare tutto ciò e per questo, chiediamo agli armatori, oltre all’impegno già profuso per garantire la salute e la sicurezza dei dipendenti, di sviluppare un ulteriore sforzo per risolvere definitivamente una situazione diventata insostenibile per molti marittimi. Nel contempo i Ministri dei Trasporti e degli Esteri, Paola De Micheli e Luigi Di Maio – chiedono infine i tre segretari generali – ci convochino subito per trovare le migliori soluzioni”.

Leggi anche

Trasporti via Mare, accordo di 27 Paesi UE sulla Dichiarazione di Abbazia

Fabio Iacolare

Pesca delle acciughe e gli effetti del lockdown: cresce la quantità in Liguria

Fabio Iacolare

Diporto Campania, via libera a partire dal 23 maggio

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.