Nautica

Nuove misure internazionali per proteggere i diritti dei marittimi

Nuove misure internazionali per proteggere i diritti dei marittimi

 L’Organizzazione internazionale del lavoro ha espresso il proprio sostegno a nuove misure mondiali per proteggere i diritti dei marittimi, bloccati in mare a causa della crisi COVID-19 .

Accolto con favore una dichiarazione comune firmato da più di una dozzina di paesi che offre ai marittimi maggiori diritti come lavoratori chiave. Le nuove misure, supportate anche da altre agenzie delle Nazioni Unite e organizzazioni internazionali, consentono ai marittimi di essere rimpatriati e di spostarsi più liberamente durante la pandemia.

Diritti dei marittimi, maggiori diritti come lavoratori chiave

“Accolgo con favore gli sforzi coordinati intrapresi dalle parti sociali e dalla comunità internazionale per rispondere alla crisi creata dalla pandemia di COVID-19 nel settore marittimo e invito tutti gli Stati membri a sostenere l’attuazione di questa dichiarazione congiunta”, ha affermato il Direttore dell’ILO -Generale, Guy Ryder.

La dichiarazione congiunta è stata firmata durante un vertice marittimo internazionale virtuale, ospitato dal governo del Regno Unito, che ha discusso della crisi globale del cambio di equipaggio che ha lasciato oltre 200.000 marittimi bloccati in mare a causa della pandemia di COVID-19.

Alcuni sono stati confinati nelle navi per mesi a causa delle restrizioni sui viaggi internazionali e delle misure per contenere il virus.

L’accordo porterà all’apertura di frontiere estere per i marittimi e ad un aumento del numero di voli commerciali, che accelererà gli sforzi di rimpatrio.

I marittimi sono stati tra i più colpiti dalla caduta della pandemia, ha affermato Corinne Vargha, direttore del Dipartimento internazionale per gli standard del lavoro dell’OIL.

Mentre forniscono un servizio chiave alla società, affrontano rischi per la sicurezza e la salute e, sempre più ora, l’esaurimento fisico e mentale, a causa della loro incapacità di tornare a casa o di unirsi alle loro navi a causa delle misure adottate per fermare la diffusione del virus.

Pertanto, l’ILO ringrazia il segretario di Stato britannico Grant Shapps e il ministro britannico dell’Aviazione, marittimo e della sicurezza Kelly Tolhurst per questa tempestiva iniziativa e per aver dato all’OIL l’opportunità di condividere la sua prospettiva sulla via da seguire.

L’ILO ha esortato i governi a riconoscere i marittimi come “lavoratori chiave” che assicurano il flusso degli scambi e la circolazione di forniture mediche essenziali, attrezzature di sicurezza, cibo e altri beni critici durante la pandemia.

LEGGI ANCHE: Messaggio di Papa Francesco ai marittimi: “Non siete dimenticati” – VIDEO

Utilizzando la guida della Convenzione sul lavoro marittimo, 2006 , l’OIL ha collaborato con le sue parti sociali – governi, organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro – nonché con numerosi organismi internazionali per risolvere il problema. Questi includono l’International Transport Workers ‘Federation (ITF), International Chamber of Shipping (ICS), International Maritime Organization (IMO), World Health Organization (WHO), International Civil Aviation Organization (ICAO), Unione Europea e vari governi.

“L’ILO esprime il proprio sostegno alla dichiarazione congiunta, che prevede impegni utili, pratici e tempestivi per le azioni che aiuteranno a risolvere questo problema urgente e ad accelerare i cambiamenti dell’equipaggio”, ha affermato Vargha. “Siamo impegnati a fornire supporto ai nostri elettori nell’affrontare il problema del cambio dell’equipaggio, anche attraverso l’attuazione di questa iniziativa.”

 

Leggi anche

Porto di Ancona, al via i lavori per l’abbattimento di 12 silos alla darsena Marche

Fabio Iacolare

29er Eurocup, seconda giornata di regate a rischio stop

Fabio Iacolare

Nautica, sottosegretario Turco: “salvaguardare e tutelare un settore leader mondiale”

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.