Diporto

Porto Montenegro introduce nuove misure sostenibili

Porto Montenegro introduce nuove misure sostenibili

Porto Montenegro, il principale porto turistico e villaggio turistico di yacht di lusso del Mediterraneo, introduce nuove iniziative ecocompatibili nel tentativo di avere un impatto positivo sull’ambiente naturale.

“I cambiamenti climatici e l’innalzamento del livello del mare sono problemi affrontati da questa generazione”, ha affermato Roddy Blair, Marina Manager di Porto Montenegro.

Porto Montenegro, in quanto principale porto turistico per superyacht nell’area del Mediterraneo, fa del suo meglio per aiutare il caso ed è idealmente posizionato per promuovere le migliori pratiche ambientali.”

Il dettaglio conta

Porto Montenegro è il primo porto turistico al mondo a ricevere l’accreditamento Platinum da The Yacht Harbour e Marina Industries Associances, grazie alla sua coscienza ambientale e all’impegno per la costruzione di una cultura di eco-coscienza.

“È una parte importante della nostra reputazione”, aggiunge Blair. Porto Montenegro si trova nel cuore della baia di Boka, protetta dall’UNESCO, un’area di straordinaria bellezza naturale e una delle destinazioni di crociera più impressionanti del mondo.

All’interno della marina stessa, Porto Montenegro adotta misure per ridurre al minimo la sua impronta di carbonio, utilizzando pannelli solari per riscaldare l’acqua attraverso una serie di blocchi di servizio, nonché azionando veicoli elettrici in tutta la marina riducendo al minimo le emissioni.

“Sono piccoli dettagli, ma passo dopo passo, costruiscono il quadro più ampio”, ha detto Roddy Blair.

La natura prima di tutto

Per proteggere dagli incendi e difendere le splendide foreste sulle rive della baia di Boka, Porto Montenegro ha lanciato la propria barca per il fuoco.

La nave da 9,79 m del valore di 400.000 euro, serve il porto turistico del superyacht e il servizio di salvataggio locale nel comune di Tivat ed è stata fondata dalla società locale Navar Incorporated.

La nave antincendio fu chiamata Jovana, in onore della figlia di uno dei più celebri dipendenti di Porto Montenegro, il responsabile della sicurezza e della protezione ambientale, Aleksandar Drakulović. Drakulović ha trascorso l’estate del 2017 impegnandosi in attività antincendio e nell’evacuazione delle popolazioni in pericolo dalla baia di Luštica.

La cooperazione in corso di Porto Montenegro con l’Istituto di biologia marina sostiene la ricerca scientifica e la conservazione delle specie di pesci e conchiglie, oltre a monitorare la pulizia dei mari locali.

“Gli ultimi dati suggeriscono che le acque del porto turistico sono completamente sicure, pulite e persino adatte al nuoto, senza effetti collaterali negativi dalle barche che entrano nel porto turistico”, ha confermato Roddy Blair.

Vita marina

Prestando grande attenzione ad affrontare le abitudini di riciclaggio e combattere l’inquinamento, Porto Montenegro ha unito le forze con il progetto Seabin nel 2016 per diventare un partner pilota nella sua sperimentazione e promozione.

Mentre Seabin è stato incredibilmente efficace nella rimozione della spazzatura galleggiante dalle acque del porto turistico, uno degli obiettivi chiave di questo progetto è stato in realtà aumentare la consapevolezza.

“Abbiamo un’infrastruttura integrata per questo”, ha detto Blair. “Un sistema di svuotamento dell’acqua grigio e nero è disponibile su tutti gli ormeggi oltre i 20 metri ed è gratuito.

C’è anche una macchina da stampa in loco per carta e cartone, garantendo il suo trasporto efficiente verso gli impianti di riciclaggio.

I rifiuti pericolosi vengono raccolti dagli yacht e smaltiti con metodi approvati dal governo. ”

Come misura aggiuntiva, Porto Montenegro, acquista acqua potabile in grandi quantità sostenibili che vengono utilizzate per riempire bottiglie di vetro riutilizzabili anziché bottiglie di plastica. “Sembra molto meglio della plastica e, soprattutto, non danneggia l’ambiente”, conclude Roddy Blair.

 

Leggi anche

La Dongbang Giant No.3 approda per la prima volta nel porto di Venezia

Fabio Iacolare

Taranto, Fiera del Mare: successo del Consorzio Marine della Toscana

Fabio Iacolare

Marina Cala de’ Medici ottiene per la 10ª volta la Bandiera Blu Approdi

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.