News dal mare

Ecco come sulla spiaggia de Le Gorette viene riutilizzata la Posidonia

Ecco come sulla spiaggia de Le Gorette viene riutilizzata la Posidonia

Sulla spiagga de Le Gorette a Marina di Cecina, in Toscana, il progetto “Rispetta il tuo capitale”: un’iniziativa con valenza ambientale e scientifica, che ha l’obiettivo di valorizzare il ruolo della Posidonia oceanica nella salvaguardia della biodiversità del Mediterraneo e di misurare il benessere percepito e il valore aggiunto di tale iniziativa non solo per gli individui, ma per tutta l’economia del territorio, il tutto grazie alla determinazione che Pramerica SGR mette nel percorso di responsabilità sociale che persegue nell’ambito della sua attività di gestione del risparmio unita alla mission di Marevivo .

Grazie all’importante contributo di Pramerica SGR, quest’anno Marevivo dà il via al progetto “Rispetta il tuo capitale” attraverso il quale verrà riqualificata e ripristinata un’importante area marina Italiana, valorizzandone successivamente i risultati in uno studio in collaborazione con due prestigiose università italiane.

Sulla spiaggia de Le Gorette, al via il progetto “Rispetta il tuo capitale”

In particolare sulla spiaggia de Le Gorette, sono iniziati i primi interventi ambientali innovativi nell’area di Marina di Cecina, in Toscana, per la tutela della Posidonia oceanica, pianta acquatica caratteristica del Mar Mediterraneo, nonché preziosa risorsa per l’habitat marino. Le attività svolte nell’ambito del progetto acquistano un duplice valore poiché consentono, da un lato, il pieno riutilizzo delle risorse utili per l’ambiente e, dall’altro, il corretto conferimento dei rifiuti antropici rinvenuti durante le operazioni.

La Posidonia spiaggiata viene recuperata e trasformata in compost, la sabbia depurata viene riportata sulla spiaggia di appartenenza e gli scarti correttamente smaltiti secondo i principi della raccolta differenziata.

I risultati derivanti da questa attività saranno resi noti attraverso azioni di divulgazione scientifica, di sensibilizzazione e di studio di best practice per la protezione dell’immenso valore dei beni ambientali del nostro Paese.

POTREBBE INTERESSARTI: Giornata mondiale Oceani, WWF: “Blue Recovery Plan per Mediterraneo”

Infatti, per la grande attenzione utilizzata nel ricavare importanti risorse da ogni elemento, il progetto “Rispetta il tuo capitale” sarà oggetto nei prossimi mesi di uno studio che verrà realizzato dal Centro GREEN (Geography, Resources, Environment, Energy and Networks) dell’Università Luigi Bocconi di Milano, diretto dal Professor Marco Percoco, e dal DISTAV (Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e della Vita) dell’Università degli Studi di Genova grazie alla Dottoressa Monica Montefalcone.

La ricerca prevede il calcolo della variazione di benessere sociale associata alle nuove modalità di pulizia delle spiagge e di trattamento della Posidonia oceanica. Il Centro Green Bocconi stimerà, dunque, il valore sociale derivante da modalità innovative di manutenzione del nostro capitale naturale: ecologia ed economia diventano parte integrante dello studio, in un’ottica paritetica di collaborazione.

Le attività di recupero della Posidonia oceanica e di ripristino della spiaggia de Le Gorette a Marina di Cecina consentono l’acquisizione di un ingente numero di dati di studio per le università coinvolte che, a partire da questo progetto, elaboreranno modelli replicabili di riutilizzo delle risorse marine, con focus sulla Posidonia oceanica.

“Il futuro passa da qui, da progetti che uniscono la tutela dell’ambiente e il riutilizzo di materiali recuperati, in un circolo virtuoso – dichiara Samuele Lippi, Sindaco di Cecina. Un binomio veramente vincente sul quale dobbiamo puntare. Da tempo cercavamo infatti una soluzione per non buttare più la Posidonia in discarica e adesso che Pramerica SGR e Marevivo ce lo hanno proposto e che lo stanno realmente realizzando, non possiamo che esserne felici. Grazie anche ai nostri uffici comunali che da subito ci hanno creduto, mettendosi a disposizione dell’associazione con la quale mi auguro davvero di poter continuare una proficua collaborazione per la tutela della nostra costa.”

“La tutela della Posidonia oceanica è una priorità per la nostra Associazione – dichiara Rosalba Giugni, presidente di Marevivo – per questo dal 1990 ci impegniamo ad arrestarne il degrado e la regressione con iniziative di sensibilizzazione, ricerca e sperimentazione. La Posidonia rappresenta veramente la bandiera della salute del mare, dobbiamo tutti imparare a conoscere il suo valore e a rispettarlo.”

“La bella sinergia che quest’anno abbiamo instaurato con Marevivo dimostra il nostro sostegno verso chi da sempre si è schierato in prima linea per ridare la giusta luce al nostro Paese e al nostro Pianeta. Non ci sottrarremo alla sfida per la tutela dell’ambiente, alla sfida per la tutela del nostro futuro – afferma Andrea Ghidoni, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Pramerica SGR. Continuiamo a cercare di innescare un vero e proprio cambiamento culturale in cui la sostenibilità rappresenti il primo pilastro del fare impresa, oltre a un’interessante opportunità di investimento che permetta al tempo stesso di avere un impatto positivo sulla società in cui viviamo.”

I fondi destinati a questo progetto derivano dalla devoluzione diretta di parte dell’utile aziendale di Pramerica SGR e di parte delle commissioni di gestione incassate nello scorso anno dalle strategie socialmente responsabili presenti nella gamma d’offerta della società. Queste strategie, infatti, che includono criteri di sostenibilità nelle scelte di portafoglio e, al contempo, sostengono progetti di elevata valenza sociale e ambientale come quello di Marevivo, rappresentano un punto fermo nel percorso di crescita della società.
Pramerica SGR continua infatti a perseguire il proprio impegno volto a contribuire allo sviluppo di una finanza sostenibile, spingendo sull’acceleratore sia in termini di incremento di strategie di investimento che tengono conto di criteri ambientali, sociali e di buon governo, sia in azioni di responsabilità sociale attraverso iniziative concrete che l’azienda persegue, anche attraverso il coinvolgimento dei propri dipendenti.

L’intervento sulla spiaggia de Le Gorette in dettaglio

L’obiettivo è promuovere un utilizzo sostenibile della Posidonia spiaggiata e di favorire, attraverso il recupero delle foglie secche spiaggiate, una buona fruizione della spiaggia e un ripristino della stessa per ridurne la scomparsa a causa dell’erosione costiera.

La Posidonia spiaggiata invece di essere buttata in discarica viene utilizzata come compost o come materia per la produzione di manufatti secondo il principio dell’economia circolare, trasformandola da rifiuto in risorsa.

La Posidonia secca (circa 1.000 m3) prelevata con un sistema rispettoso dell’ambiente, verrà purificata dal materiale antropico e separata dalla sabbia che tornerà sull’arenile di provenienza (circa 250 tonnellate sufficienti a coprire una superfice di 1.500 m2 di spiaggia, con uno spessore di 20 cm).

Sempre allo scopo di preservare la Posidonia verrà anche fatta un’attività di pulizia dei fondali nella stessa area con l’obiettivo di liberare le praterie di Posidonia dai rifiuti più dannosi: reti, batterie, plastiche.

LEGGI ANCHE: Biodiversità marina del Mediterraneo, studi senza importunare gli “abitanti”

La Posidonia oceanica è una specie di grande valore ecologico, endemica del Mediterraneo, cioè presente solo lungo le coste di questo bacino, dove forma estese praterie sommerse che occupano una superficie stimabile in circa 20.000 mi2 e che costituiscono uno degli ecosistemi più importanti e ricchi di biodiversità del nostro mare.

La Posidonia inoltre, essendo una pianta, produce ossigeno, offre rifugio a numerose specie, oltre a frenare il moto ondoso preservando fondali e coste dall’erosione: queste caratteristiche così esclusive hanno fatto sì che questa pianta sia fondamentale per la sopravvivenza dell’intero Mediterraneo.

Leggi anche

La partnership fra APM Terminals e ZPMC Italia genera nuova occupazione

Fabio Iacolare

Nuova minaccia per i mari, Greenpeace: “no all’utilizzo di plastica liquida”

Fabio Iacolare

Dall’Abruzzo una petizione al Governo per istituire il Ministero del Mare

Redazione

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.