Località di mare

Da oggi, mercoledì 15 luglio al via le mostre al Castello di Agropoli

Da oggi, mercoledì 15 luglio al via le mostre al Castello di Agropoli

Riprendono, a partire da mercoledì 15 luglio e si prolungheranno fino a fine settembre, le mostre artistiche presso il Castello di Agropoli. Il cartellone, nonostante le difficoltà e i rallentamenti dovuti all’emergenza Covid-19, è stato predisposto dal consigliere con delega a Cultura e Beni culturali, Franco Crispino e condiviso dal sindaco Adamo Coppola.

Tre le location: la Sala dei francesi, le Sale nuove e il Camminamento. Presso la Sala dei francesi, si parte da domani, 15 luglio fino al 31 luglio, con la mostra “Incontri” di Flavia Alexandra Grattacaso. Dal 2 al 15 agosto sarà la volta di “Colorite miserie e metafisica” di Giuseppe Acone.

Nella seconda parte del mese di agosto (dal 16 al 31) spazio all’artista Giovanni Raineri con “My watercolor world”. A seguire, esporrà per tutto il mese di settembre, Silvano Palmisano, la sua mostra dal titolo “L’arte di una penna a biro”. Nella Sale nuove, invece, si parte il 2 agosto, con durata fino al 16 agosto: sarà presente la mostra fotografica di Mario Voria “Pollicino sognatore”; dal 1 al 30 settembre, Pasquale Capano (Photo Art Community) presenterà la mostra “La magia del foro stenopeico”.

Le mostre saranno visitabili tutti i giorni, durante gli orari di apertura del Castello, che sono i seguenti: mattino 9.00-13.00; pomeriggio 17.00-21.00.

Il Castello di Agropoli, ecco le caratteristiche

Una delle principali attrazioni del borgo antico di Agropoli, comune cilentano della provincia di Salerno, è senz’altro il Castello Angioino Aragonese situato nel centro storico.

Un tempo fortezza e presidio militare ma anche residenza nobiliare, oggi il Castello è un luogo affascinante da visitare per la sua storia ed è anche lo scenario di eventi culturali e di spettacoli teatrali all’aperto. Ogni anno, per esempio, ospita la rassegna Settembre Culturale.

La prima costruzione del Castello risale ai bizantini, intorno al VI secolo, che fecero di Agropoli una loro roccaforte e un attracco per la flotta. Nel corso del X e XI secolo i Normanni rinnovarono la struttura e iniziarono la costruzione delle mura, rimaste inalterate e di cui si può ammirare ancor’oggi lo stile normanno-svevo.

LEGGI ANCHE: Agropoli, stop di sera al lungomare San Marco: nel weekend il primo test

Il Castello fu sottoposto a diverse ristrutturazioni, in particolare ad opera di famiglie vicine alle due casate che ebbero il dominio sul Mezzogiorno, vale a dire Angioini ed Aragonesi. Nel XV secolo Giovanni Sanseverino conte di Marsico, feudatario di Alfonso V d’Aragona, diede inizio ad una ristrutturazione generale del Castello fino all’aspetto attuale dell’edificio. Venne costruito un fossato, la pianta dell’edificio a base triangolare passò ad essere a base quadrata e vennero rinforzate le fortificazioni.

Leggi anche

Conclusa la 14° edizione del premio giornalistico Mare Nostrum Awards

Redazione

Jesolo, chioschi e tradizionali “carrettini”  per l’iniziativa “Io vado in spiaggia”

Fabio Iacolare

Jesolo Bandiera Blu, un riconoscimento che vale oro per questa Estate

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.