Località di mare News dal mare

Gli alunni del Santa Venerina a lezione di mare in Capitaneria

santa venerina

Una ventina di alunni delle classi prime dell’I.C statale Santa Venerina, hanno incontrato il comandante della Guardia Costiera di Riposto, il t.v Francesca Natale ed i soci della Lega Navale sezione di Riposto, nell’ambito di un progetto di educazione ambientale denominato “L’ora di lezione non basta”, promosso dallo stesso istituto.

Gli allievi del Santa Venerina alla conferenza sulla risorsa mare

VENERINA

Gli allievi hanno potuto visitare gli uffici della Guardia Costiera e la sala operativa ed hanno assistito ad un’interessante conferenza interattiva, curata dal t.v Natale, incentrata sulla grande ed importante risorsa mare; affrontando i temi ambientali e sensibilizzando le giovani generazioni al rispetto dell’ambiente marino e costiero con esempi virtuosi e normali gesti quotidiani, come per esempio quelli relativi alla plastic-free, visionando interessantissimi video sui compiti istituzionali svolti e la mission della Guardia costiera.




L’obiettivo è quello di consolidare il rapporto di dialogo con “l’utenza mare” presente e futura, e altre clip relative ai danni della plastica e all’ inquinamento all’ ecosistema marino. Molto emozionante per i ragazzi è stato l’incontro con un pescatore, appena rientrato da una battuta di pesca a bordo di un peschereccio regolarmente iscritto, che ha mostrato ai ragazzi gli attrezzi del mestiere. Per gli alunni infine è stato possibile conoscere la mission della LNI grazie al vicepresidente Filippo Massari e l’arte marinaresca grazie all’ istruttore di vela d’ altura della Lni Ignazio Conticello.

“Progetto importante per la diffusione della cultura del mare”

“E’ un progetto importante – ha dichiarato il comandante Natale – che come Guardia Costiera portiamo avanti, da diversi anni, ovvero la sensibilizzazione e la diffusione della cultura del mare, soprattutto nei più giovani, perché siamo convinti, che educando al rispetto del mare e a far comprendere ai ragazzini, in questa fascia d’ età, particolarmente recettiva, che conseguenze nefaste ha un comportamento errato”.




“Partendo dall’assunto che l’educazione è un territorio di tutti- ha detto la preside dell’I.C Statale Santa Venerina, Mariangiola Garaffo – all’interno di percorsi educativi della Mappa della Comunità della nostra scuola, abbiamo voluto organizzare alcune attività di didattica all’ aperto sulla conoscenza del Nostro Mare con l’ausilio di personale esperto della Capitaneria di Porto di Riposto e al personale qualificato del Porto Turistico e della Lega navale. Le classi prime della secondaria di primo grado a partire da oggi ,potranno approfondire i temi legati alle attività marine e portuali uscendo dal confine della tradizionale lezione in aula e potranno utilizzare spazi ” fuori dall’ aula” altrettanto educativi per imparare facendo”.

LEGGI ANCHE: Il Marina dell’Orso di Poltu Quatu approda in Assonat

“Rimane obiettivo principale -ha aggiunto il presidente della Lni di Riposto, Giuseppe Pulvirenti – riportare i giovani alla natura, quindi al mare, per garantire salute e attività di socializzazione. Fare comprendere loro l’importanza dell’equipaggio; il suo ruolo all’ interno dell’imbarcazione ed il suo fondamentale lavoro di squadra. Un paese sul mare – ha concluso Pulvirenti – dovrebbe essere un paese di marinai, per vivere il mare tutto l’anno e non solo nei mesi estivi, come risorsa fondamentale per la salute e per attività all’ aperto”.

 

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Tempo di bilanci: ecco i numeri del campionato mondiale O’pen Skiff

Redazione Sport

Mototerapia con il team di Vanni Oddera al Pausilipon di Napoli

Fabio Iacolare

Torre Santa Sabina, scoperto un parco archeologico sommerso

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.