Nautica

ECSA sul trasporto marittimo e la fluidità del commercio UE e Regno Unito

ECSA sul trasporto marittimo e la fluidità del commercio UE e Regno Unito

ECSa-European Shipowners Associations “ Il trasporto marittimo e la fluidità del commercio UE-Regno Unito dipendono da un accordo globale da concludere rapidamente”.

A seguito della votazione plenaria odierna al Parlamento europeo sulle raccomandazioni sulle future relazioni UE-Regno Unito, l’ECSA ribadisce la posizione dell’industria marittima europea e chiede un’azione urgente: tutte le parti dovrebbero evitare a tutti i costi uno scenario senza accordi.

Commercio UE e Regno Unito, ecco la situazione via mare

“L’European Shipowners Associations esprime profonda preoccupazione per la fine incombente del periodo di negoziazione e per la mancanza di progressi nelle discussioni”, ha commentato Martin Dorsman, segretario generale dell’Ente.

“I recenti colloqui tra l’UE e la Gran Bretagna non hanno prodotto i risultati tanto attesi. Speriamo che dopo la riunione ad Alto Livello di lunedì scorso su un accordo per un ritmo accelerato dei negoziati porti finalmente ai progressi necessari e accolga pienamente il voto di oggi al Parlamento europeo che ha raccomandato un accordo globale che includa le preoccupazioni fondamentali del settore marittimo europeo.

Il prossimo Accordo di Libero Scambio (free trade agreement) dovrebbe includere necessariamente il trasporto marittimo in quanto il settore è fondamentale per garantire che le relazioni commerciali UE-Regno Unito possano essere di fatto realizzate. L’Accordo di Libero Scambio dovrebbe includere anche:

  • Accesso reciproco al mercato per i trasporti internazionali, il cabotaggio e i mercati offshore
  • Fluidità del commercio
  • Libera circolazione dei marittimi e dei lavoratori a terra, nonché dei passeggeri
  • Una parità di condizioni nelle misure fiscali, ambientali, sociali e normative

Allo stesso tempo, l’ECSA chiede un forte dialogo marittimo UE-Regno Unito come piattaforma per discutere approcci comuni alle politiche marittime nonché, per quanto riguarda il quadro politico globale, dell’IMO, dell’OCSE, dell’ILO e dell’OMC.

LEGGI ANCHE: ECSA sostiene con forza il regime di tonnage -tax efficace per lo shipping

“L’industria è fermamente convinta che uno scenario difficile o senza accordi nel gennaio 2021 debba essere evitato a tutti i costi. Qualora un ALS non fosse realizzabile in un arco di tempo così limitato, entrambe le parti dovrebbero già cercare soluzioni pragmatiche e flessibili per sostenere le imprese e la regolare prosecuzione degli scambi, con il minor numero possibile di ostacoli alle frontiere marittime dell’UE e del Regno Unito “, ha concluso Dorsman.

Leggi anche

Vecchie Vele, il Brigantino a Palo Fede e Amore

Fabio Iacolare

A Puerto Sherry, nella baia di Cadice argento per l’Italia ai mondiali tavole a vela Techno29

Fabio Iacolare

M/y “Spectre”, di Benetti, vince l’Asia Boating Award 2019

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.