Nautica Sport

Giochi del Mediterraneo 2026, Taranto attende ‘ok’ dal Ministro dello sport

Giochi del Mediterraneo 2026

Si continua a lavorare per i Giochi del Mediterraneo 2026 che andranno in scena a Taranto tra meno di quattro anni. Per portare avanti il progetto e la costruzione delle strutture, però, è necessario sbloccare i fondi stanziati.




I nuovi impianti per i Giochi del Mediterraneo 2026

“Abbiamo inviato al ministro dello Sport, Andrea Abodi, il report aggiornato sui Giochi del Mediterraneo che si terranno a Taranto nel giugno 2026, indicando la situazione impianto per impianto e il relativo cronoprogramma. Dovrebbe essere l’ultima relazione aggiornata, dopodiche dovremmo ricevere i 150 milioni già deliberati”, ha spiegato il sindaco di Taranto e presidente della Provincia di Taranto, Rinaldo Melucci.

Le risorse per l’evento, che coinvolgerà nella città pugliese 26 Paesi del Mediterraneo, sono già state previste a marzo scorso col decreto Sostegni Ter e riconfermate dall’ex ministro del Sud, Mara Carfagna, a settembre nel Contratto istituzionale di sviluppo per Taranto. I suddetti fondi sono, però, ancora bloccati.

Melucci ha poi sottolineato che il denaro complessivo necessario per la nuova impiantistica sportiva e per la ristrutturazione di quella esistente è pari a 240 milioni, rendendo vitali ulteriori risorse: in particolare per la costruzione ex novo della piscina olimpionica di 50 metri e per il centro nautico per vela, canoa e canottaggio, dove si collocherà anche il centro multimediale digitale e l’adeguamento e recupero degli impianti sportivi esistenti.

LEGGI ANCHE: Sanlorenzo punta forte sul charter e acquisisce la società Equinoxe

“Taranto non rinuncerà alla sua programmazione, semmai saranno altri che dovranno ridimensionare qualcosa” ha concluso il sindaco Melucci. Per i Giochi del Mediterraneo, che nel 2026 dovranno celebrare la ventesima edizione, si attende l’arrivo 4mila atleti. I nuovi impianti previsti a Taranto sono lo stadio, il palazzo del nuoto e il centro nautico nell’area ex stazione torpediniere sul Mar Piccolo, liberata dalla Marina Militare e ceduta all’Autorità portuale.

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato su tutte le news!

Leggi anche

Pedote 16mo alla Route du Rhum, finale al cardiopalma nei Class 40

Claudio Soffici

Approda nelle prossime ore a Venezia Portopiccolo Tempus Fugit

Fabio Iacolare

La Cinquanta 2020 a Caorle, ecco la Line Honour: X2 ad Hauraki e XTutti a Lo Rè

Fabio Iacolare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.